Notizia Oggi

Stampa Home

Debutto dei giovani del Fai Valsesia

Esordio positivo
Articolo pubblicato il 15-06-2017 alle ore 14:51:39
Debutto dei giovani del Fai Valsesia 2
Il gruppo giovani del Fai

Positivo il risultato per l'esordio del Fai Giovani Valsesia con l’obiettivo di far scoprire il proprio territorio. L’occasione si è presentata in occasione del ponte del 2 giugno a Riva Valdobbia: i giovani volontari hanno accolto con grande entusiasmo i numerosi visitatori giunti in paese e li hanno guidati alla scoperta della chiesa parrocchiale e della sua imponente facciata affrescata, simbolo iconico di Riva Valdobbia, dietro c’è stato un importante lavoro di ricerca e documentazione senza lasciare nulla al caso.

Successivamente hanno inaugurato e fatto visitare la coinvolgente ed originale mostra fotografica, che accompagnava alla scoperta dell'antica Riva Valdobbia attraverso suggestive fotografie d'epoca, accostate ad immagini moderne del paese. L'evento si è concluso con una ricca merenda e con lo spettacolo teatrale: "Il peso della Farfalla" , tratto dal racconto dello scrittore Erri De Luca, rappresentato all'interno dello storico teatro di Riva Valdobbia, gestito dalla Società di Mutuo Soccorso e beneficenza.


Il gruppo Fai Giovani Valsesia ringrazia chi ha partecipato all'evento e tutti coloro che hanno collaborato nel concretizzarlo e renderlo così coinvolgente: Giuseppina De Vito, capo delegazione del Fai Novara, Davide Furfaro, responsabile regionale Fai giovani; Matteo Caporusso, responsabile gruppo Fai giovani Novara; Laura Vignati, responsabile Fai Giovani alto novarese; il gruppo Fai Valsesia per il supporto; la Società di mutuo soccorso di Riva Valdobbia; Nelly Micheletti e Guido Rossi fonti inesauribili di conoscenza; oltre agli attori Claudio Folli, Paola Mazzucato e Chiara Ceria.

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Più letti

I più letti

Lettere

Lettere

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita
Lettera del 14-12-2016

Buongiorno, sono una nipote di Don Cesare Boschin. Mi chiamo Isabella Formica. Lo zio è morto per mano della malavita. Ha difeso sempre i suoi parrocchiani...

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...