Notizia Oggi

Stampa Home

Delitto di Vercelli, giovedì l'autopsia

Per Cristina Carenzo la difesa chiede consulenza psichiatrica
Articolo pubblicato il 12-04-2016 alle ore 11:35:07
Delitto di Vercelli, giovedì l'autopsia 3
La villetta di via Manzone, in rione Canadà

Nella sua cella, in carcere a Vercelli, Cristina Carenzo, assistita dai legali Davide Scarpa e Pierpaolo Chiorazzo, ricostruisce le ultime ore di vita della madre, l'ottantunenne Franca Ranghino. E' provata, in evidente stato confusionale, e dà una versione differente rispetto a quanto contestato dalla procura. Per l’accusa, Ranghino sarebbe stata uccisa nella tarda serata di mercoledì proprio dalla figlia, cinquantenne, con la quale condivideva l'abitazione, percossa a mani nude e con un mattarello. 

L'esame autoptico, previsto giovedì, contribuirà a chiarire la dinamica degli eventi. Sarà in contraddittorio, eseguita dal medico legale incaricato dal sostituto procuratore Serafina Aceto, Paolo Bertone, a cui la difesa di Cristina Carenzo affiancherà il suo perito, il torinese Lorenzo Varetto.

Intanto i difensori di Cristina Carenzo hanno richiesto alla procura la consulenza psichiatrica: nel caso venisse accertato uno squilibrio pischico potrebbero prospettarsi per la donna misure alternative al regime di detenzione.

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Più letti

I più letti

Lettere

Lettere

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...