Notizia Oggi

Stampa Home

Domani a Valduggia incontro per non dimenticare Sara e Silvia

Uno spazio di riflessione dedicato ai giovani per vivere responsabilmente la notte
Articolo pubblicato il 01-12-2016 alle ore 14:23:32
Domani a Valduggia incontro per non dimenticare Sara e Silvia 2
Sara Migliore e Silvia Bertarella, morte in un incidente stradale lo scorso 23 ottobre

Si terrà domani sera, a partire dalle 21 nella sala consiliare del municipio valuduggese, un incontro per ricordare Sara Migliore e Silvia Bertarella.  La serata, rivolta in modo particolare ai più giovani, mira a scongiurare il verificarsi di incidenti tanto tragici come quello occorso il 23 ottobre alle due amiche di appena 22 e 23 anni.

L’incontro “Per non dimenticare. Prendi la notte per mano - vivi la vita” si terrà venerdì alle 21 nella sala consiliare del municipio.  «La gioventù è un periodo bellissimo, e altrettanto bello è uscire e divertirsi con gli amici. Ma alla spensieratezza si deve accompagnare anche la responsabilità - dice Michele Astori, responsabile della biblioteca e ideatore della serata. Soprattutto quando si va in auto occorre prestare molta attenzione, non bere e non andare veloci. La prudenza può, molte volte, salvare la vita a se stessi e ai propri amici».

La serata è organizzata in collaborazione con l’amministrazione comunale ed è rivolta in modo particolare ai giovani tra i 15 e i 30 anni. «La  tragica morte di Sara e Silvia, che erano poco più che ventenni, non deve finire nel dimenticatoio – continua Astori -.  E’ di una tristezza inaudita svegliarsi la domenica e venire a sapere certe notizie, nessuno dovrebbe mai provare una simile sofferenza. Se è vero che i giovani hanno diritto di divertirsi, è altrettanto vero che devono essere indirizzati a seguire la strada giusta, quella più prudente ma non per questo necessariamente noiosa. E’ giusto divertirsi quando si è giovani, ma non deve mai mancare il giudizio». Venerdì si cercherà proprio di fare questo: «Lo scopo dell’incontro non è quello di dare giudizi – continua Astori –, semmai fornire consigli su come affrontare la strada e le sue insidie. Verranno messi in risalto ed esaminati  quelli che sono i problemi concreti e reali che si possono incontrare soprattutto la notte. Insomma, vorremmo insegnare ai ragazzi che la notte va presa per mano, non deve portare via la vita ai ragazzi». 

Insieme al responsabile della biblioteca valduggese ci saranno anche alcuni amministratori comunali e Ginevra D’Amore, delegata del Piemonte occidentale dell’“Associazione italiana familiari e vittime della strada”.

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Più letti

I più letti

Lettere

Lettere

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita
Lettera del 14-12-2016

Buongiorno, sono una nipote di Don Cesare Boschin. Mi chiamo Isabella Formica. Lo zio è morto per mano della malavita. Ha difeso sempre i suoi parrocchiani...

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...