Notizia Oggi

Stampa Home

Don Giovanni è tornato a Grignasco in occasione del ''Ferragosto''

La manifestazione si è tenuta al parco Mora
Articolo pubblicato il 22-08-2017 alle ore 10:08:44
Don Giovanni è tornato a Grignasco in occasione del ''Ferragosto'' 2
La consegna di un omaggio a don Giovanni Antoniazzi

Si sono ormai spenti i riflettori sul “Ferragosto grignaschese”, l’evento che da ormai 36 anni arricchisce l’estate del paese in occasione della festa patronale. I festeggiamenti si sono tenuti come sempre al parco Mora, dove è stato possibile cenare, pranzare, ballare sulle note della musica dal vivo e far divertire i bambini grazie all’intrattenimento di Cony. C’è stato spazio anche per la solidarietà: il ricavato di una cena è stato infatti devoluto agli allevatori di Basciano, il centro abruzzese che Grignasco ha deciso di aiutare perchè colpito dal terremoto e da eccezionali nevicate. A tavola sono stati serviti i prodotti tipici di Basciano, prima su tutti la porchetta. La raccolta fondi prosegue fino alla fine del mese e il denaro può essere consegnato all’ufficio anagrafe del municipio oppure versato tramite bonifico (Iban: IT42I0503445450000000089010).

La giornata dedicata alla patrona Maria Vergine Assunta si è aperta con la messa celebrata in chiesa parrocchiale da don Enrico Marcioni e da don Giovanni Antoniazzi; ex sacerdote ad Ara (dal ‘92 al 2002) e responsabile dell’oratorio San Giustino, il religioso ha festeggiato insieme alla comunità grignaschese il suo 25esimo anniversario di ordinazione. In Valsesia è stato parroco anche a Zuccaro di Valduggia. Al termine i partecipanti hanno gustato i dolci offerti dai fedeli, poi tutti al parco Mora per il pranzo di Ferragosto. I festeggiamenti si sono chiusi con la giornata dedicata a San Rocco che, tra le altre cose, ha visto disputarsi l’immancabile gara di bocce al bar Penne Nere.

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Più letti

I più letti

Lettere

Lettere

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita
Lettera del 14-12-2016

Buongiorno, sono una nipote di Don Cesare Boschin. Mi chiamo Isabella Formica. Lo zio è morto per mano della malavita. Ha difeso sempre i suoi parrocchiani...

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...