Notizia Oggi

Stampa Home

Dopo la tragedia di Andrea riapre il rifugio Monte Marca

L'ex gestore si era tolto la vita a fine gennaio
Articolo pubblicato il 06-06-2017 alle ore 15:12:17
Dopo la tragedia di Andrea riapre il rifugio Monte Marca 3
Dopo la tragedia di Andrea riapre il rifugio Monte Marca 3

Domenica riapre il rifugio Monte Marca, sopra Bielmonte. L'attività è chiusa da fine gennaio, quando il gestore Andrea Barberis Organista si tolse la vita lasciandosi scivolare dentro l'acqua gelida di uno dei vasconi utilizzati come riserva per la neve artificiale. L'uomo, 56 anni, aveva ristrutturato e riaperto il rifugio insieme alla famiglia: al piano terreno aveva rimodernato il ristorante trasformandolo in un locale di classe, conservandone perà le caratteristiche della montagna. Al piano superiore, le camere per gli ospiti.

 

Il rifugio è raggiungibile in seggiovia, a piedi o in mountain bike, ed è un luogo, si legge sul sito dell'Oasi Zegna, «da cui godere di panorami stupendi, ammirare a 360 gradi la bellezza delle montagne e della pianura padana, assaporare la buona cucina di montagna o ancora risvegliarsi nel silenzio della natura». In occasione della riapertura estiva, domenica verrà offerto un brindisi inaugurale alle 11.30, al quale seguirà una degustazione di polenta concia. Il tutto preceduto alle 10.30 da una messa di benedizione.

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Lettere

Lettere

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita
Lettera del 14-12-2016

Buongiorno, sono una nipote di Don Cesare Boschin. Mi chiamo Isabella Formica. Lo zio è morto per mano della malavita. Ha difeso sempre i suoi parrocchiani...

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...