Notizia Oggi

Stampa Home

E' di Grignasco l'uomo che produce l'olio migliore del mondo

«E’ nato tutto da una passione, che poi si è trasformata in un’attività nel Salento. Il futuro dell’Italia sta ne cibo artigianale»
Articolo pubblicato il 22-05-2017 alle ore 10:40:28
E' di Grignasco l'uomo che produce l'olio migliore del mondo 1
E' di Grignasco l'uomo che produce l'olio migliore del mondo 1

Padre e figlio uniti dalla passione per l'olio si aggiudicano un premio internazionale. L'olio prodotto in Puglia dal grignaschese Nino Olivotto e dal figlio Alex ha ricevuto il “Gold Award” al “New York international olive oil competition”, il riconoscimento più prestigioso in questo settore. La cerimonia di premiazione si è tenuta negli Stati Uniti e nei giorni scorsi l’“Olivottoil” è stato celebrato con una festa a Milano.

L’etichetta “Manhattan” ha sbaragliato una concorrenza non da poco: al concorso hanno partecipato 910 produttori, provenienti da 27 Paesi sparsi per il mondo. Un risultato che riempie di orgoglio la famiglia Olivotto, anche perchè si trattava della prima competizione alla quale partecipavano con i loro prodotti. L’avventura di Olivotto in questo mondo è iniziata quattro anni fa, mentre il legame di Nino (all’anagrafe Pier Sante) con la Puglia va decisamente più indietro nel tempo. «E’ da 40 anni che frequento la Puglia da turista - racconta il grignaschese - e, spinto dalla passione, in passato ho cominciato ad acquistare alcuni ulivi. All’inizio fare olio era un hobby, producevo qualche bottiglia che poi regalavo ai miei clienti. Quattro anni fa sono andato in pensione e, insieme a mio figlio, ho creato la “Olivotto Srl”, una società online che promuove il nostro olio extra vergine d’oliva artigianale prodotto in Salento. Vendiamo esclusivamente al consumatore finale, attraverso Amazon».

Nato e cresciuto a Grignasco, Olivotto si è laureato al politecnico di Torino e fino a quando è andato in pensione ha girato il mondo per lavoro. Si è sempre occupato di tecnologia, e il suo background professionale è diventato un valido alleato nell’attività intrapresa nel 2012. «Vivo a Isella, ma almeno sei volte all’anno vado in Puglia per seguire l’attività. Sono convinto che il cibo artigianale e il consumo consapevole siano la vocazione dell’Italia, è su questo che dobbiamo investire e puntare. Basti guardare alla quantità e alla qualità dei presidi Slow Food che abbiamo nel nostro Paese. Per quanto ci riguarda stiamo innovando la filiera; abbiamo ulivi di nostra proprietà nei Comuni di Erchie Manduria, ma ci avvaliamo anche delle olive dei migliori produttori, scegliendo in base a come è stato il clima».

Nel 2017 la Olivottoil intende commercializzare 33 quintali di olio «e i risultati ottenuti finora ci consentono di confermare questo obiettivo - conclude Olivotto -. La nostra società ha sviluppato un ecosistema di fornitori in Salento in grado di soddisfare la crescita e la volatilità della domanda. Molti di questi fornitori sono startup che entrano in sinergia di rete con noi, che ci propone come hub del sistema cliente/contadino».

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Lettere

Lettere

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita
Lettera del 14-12-2016

Buongiorno, sono una nipote di Don Cesare Boschin. Mi chiamo Isabella Formica. Lo zio è morto per mano della malavita. Ha difeso sempre i suoi parrocchiani...

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...