Notizia Oggi

Stampa Home
La sezione ha premiato i soci "storici" durante la cena sociale annuale

Enzo Vercella Baglione, 60 anni con il Cai Valsessera

Per i 50 anni premiati Luigino Mina di Trivero e Uber Varassi Pega di Coggiola
Articolo pubblicato il 23-11-2015 alle ore 20:28:18
Enzo Vercella Baglione, 60 anni con il Cai Valsessera 2
Enzo Vercella Baglione

Sessant'anni di Cai. La sezione Valsessera del Club alpino italia ha premiato Enzo Vercella Baglione, iscritto dal 1955. Il riconoscimento è stato assegnato sabato sera nel corso della cena sociale che ha riunito iscritti e simpatizzanti. «Era il 1955 quando mi sono iscritto al Cai - racconta Vercella Baglione -: avevo 14 anni e, lavorando, potevo permettermi di avere la tessera. E' stata ed è ancora una bella esperienza, ho vissuto la montagna a 360 gradi e ho avuto modo di viverla con persone che sono diventate amici. Di racconti ce ne sono tanti, dalla prima ascensione sul Monte Bo nel 1955, alle tante escursioni, alle castagnate o agli altri momenti conviviali». Vercella Baglione è anche un appassionato di foto, e anche nella memoria del suo computer ci sono tanti ricordi di questi 60 anni trascorsi nel Cai.

Oltre a Vercella Baglione, sono stati premiati i soci iscritti da 50 anni: Luigino Mina di Trivero e Uber Varassi Pega di Coggiola. Premi anche ai soci che hanno preso la tessera da 25 anni: Teresio Agliaudi di Pray, Lara Cerruti Delmastro di Crevacuore, Claudio Corona di Pray, Lorena Dal Dosso di Sostegno Marco Rossi di Pray, Mario Rossi di Pray, Moreno Solesio di Pray, Anna Varola di Borgosesia, Elisabetta Vercella Marchesa di Sarre (Aosta) e Fabrizio Zanella di Borgosesia. 

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Lettere

Lettere

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...