Notizia Oggi

Stampa Home

Falso allarme: all'Adunata degli alpini permessa la vendita di vino

Comunicato ufficiale
Articolo pubblicato il 12-05-2016 alle ore 07:45:54
Falso allarme: nessun divieto alla vendita di vino all'Adunata degli alpini 3
Falso allarme: nessun divieto alla vendita di vino all'Adunata degli alpini 3

Nessun divieto alla vendita di vino e alcolici all'Adunata nazionale degli alpini in programma per il fine settimana ad Asti. In effetti, l'ipotesi è stata vagliata (anche perché un'ordinanza simile viene emessa ad Asti in occasione del Festival delle sagre): ma è stata subito scartata. Sarebbe stata una beffa. Però è bastato questo perché l'allarme che scattasse il proibizionismo all'Adunata si è duffuso sia sui social forum che su alcuni media. Tant'è che il Comitato organizzatore ha ritenuto di dover diffondere un comunicato ufficiale. Questo:

«Non ci sarà alcun divieto di vendita di vino e bevande alcoliche durante l’89ª Adunata nazionale degli Alpini di Asti 2016. È rientrato l’allarme lanciato a poche ore dall’inizio del grande evento che, da venerdì 13 a domenica 15 maggio, richiamerà proprio nel capoluogo di produzione della Barbera e del Moscato oltre 500mila penne nere da tutta Italia e dall’estero.  Il Comitato per la sicurezza e l’ordine pubblico, riunito stamattina in Prefettura, ha ritenuto non necessaria l’adozione di un provvedimento di divieto di somministrazione e vendita di bevande alcoliche in bottiglie di vetro, come viene fatto abitualmente ad Asti in occasione del Festival delle Sagre. La notizia di un’ordinanza di divieto, partita dai social network, ha fatto velocemente il giro della rete, fino a essere ripresa da molti giornali e organi d’informazione». 

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Sanità e salute

Lettere

Lettere

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...