Notizia Oggi

Stampa Home

Festa per don Luigi Pozzi, sacerdote da 60 anni

La messa alle 10.30
Articolo pubblicato il 17-06-2016 alle ore 14:43:19
Festa per don Luigi Pozzi, sacerdote da 60 anni 3
Don Luigi Pozzi

Domenica le parrocchie di Vocca, Morca e Valmaggia festeggiano il loro parroco don Luigi Pozzi, che taglia il traguardo dei 60 anni di ordinazione sacerdotale. Già religioso camilliano, fu ordinato prete nel 1956 dall’allora vescovo di Padova e da 37 anni è guida spirituale delle due frazioni varallesi e di Vocca. Oggi 85enne, don Luigi sarà festeggiato nella chiesa parrocchiale di Vocca. Il programma della giornata prevede alle 10.15 ritrovo dei fedeli, quindi alle 10.30 si darà il via alle celebrazioni con la messa accompagnata dalla  processione offertoriale. Il momento celebrativo proseguirà con il pranzo comunitario all’albergo Italia di Varallo. Originario di Seregno, in Brianza, primo di sette figli,  don Luigi ha in effetti raggiunto il traguardo dei sessant’anni di ordinazione già lo scorso marzo, e il giorno 13 si era celebrata una messa solenne nella sua parrocchia natale.

Già religioso camilliano, don Luigi ebbe la vocazione quando era ancora molto giovane: fu ordinato prete nel 1956 da monsignor Girolamo Bortignon, allora vescovo di Padova. Svolse il primo incarico a Castellanza nel Varesotto, dove fu economo e insegnante dei futuri fratelli religiosi laici, nel frattempo studiò medicina. Svolse poi il suo ministero di religioso e di prete accanto ai più poveri e sofferenti quando fu inviato all’ospedale Cardarelli di Napoli, poi in una casa di riposo di Messina e infine nell’ospedale civile di Taranto. Nel 1979 fu assegnato alla Diocesi di Novara e venne nominato parroco di Valmaggia, Morca e Vocca.

Oggi, a 85 anni, non abbandona la sua grande passione, coltivata fin dalla gioventù, per la scienza e la tecnologia.

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Lettere

Lettere

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita
Lettera del 14-12-2016

Buongiorno, sono una nipote di Don Cesare Boschin. Mi chiamo Isabella Formica. Lo zio è morto per mano della malavita. Ha difeso sempre i suoi parrocchiani...

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...