Notizia Oggi

Stampa Home

"Fu una critica politica", assolto Gallina ex sindaco di Cavallirio

Nel 2010 la querela presentata da Alessio Ioppa
Articolo pubblicato il 22-10-2015 alle ore 10:43:43
"Fu una critica politica", assolto Gallina ex sindaco di Cavallirio  3
"Fu una critica politica", assolto Gallina ex sindaco di Cavallirio 3

“Fu una critica politica”. Nessuna diffamazione né calunnia, dunque, nei confronti del suo successore alla poltrona di primo cittadino. Così si è espresso il Tribunale di Novara, al termine del processo contro Guido Gallina, 75 anni, ex sindaco di Cavallirio.

Il fatto risale al 2010 quando Gallina, passato ai banchi dell’opposizione, in una interpellanza aveva chiesto al sindaco dell'epoca Alessio Ioppa di motivare le scelte compiute dall’amministrazione comunale – definita “dissennata, clientelare e inciuciona” – in merito alla ristrutturazione di un immobile storico in via Angelotti. Secondo Gallina, difeso dall’avvocato Cocito, la società Kairos  che ha eseguito i lavori sarebbe andata ben oltre la ristrutturazione, demolendo parti dell’immobile, modificandone la facciata e costruendo laddove non era previsto. “Su 600 metri quadrati – aveva puntualizzato Gallina - si sono costruiti 4 mila metri cubi. Nel progetto non c’erano garage, ne sono stati fatti 11”.

Le accuse, ritenute ingiuste e intollerabili, avevano convinto l'ex primo cittadino a presentare querela. Calunnia e diffamazione, secondo il pm, che per Gallina aveva chiesto la condanna a un anno e mezzo di carcere. Ioppa, dal canto suo, pretendeva un risarcimento da 10 mila euro. Per il giudice Gianfranco Pezone, solo una critica politica che motiva l’assoluzione.

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Lettere

Lettere

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...