Notizia Oggi

Stampa Home

''Fungiat'' maleducati nel Triverese danneggiano i boschi

Articolo pubblicato il 13-09-2017 alle ore 11:27:29
''Fungiat'' maleducati nel Triverese danneggiano i boschi 3
''Fungiat'' maleducati nel Triverese danneggiano i boschi 3

Buchi, rifiuti abbandonati, terreno rovinato: in alta Valsessera alcuni cercatori di funghi mostrano davvero poco rispetto per l’ambiente che dona loro i gustosi frutti. A sollevare la questione è Angelo Giovinazzo, un vero esperto che nei suoi giri ha trovato situazioni davvero assurde. «Sembra che sia scoppiata una vera psicosi da fungo - spiega -. I boschi sembrano campi di battaglia, si trova qualsiasi cosa: vetri, bottiglie, lattine, involucri di qualsiasi tipo». Insomma si trovano rifiuti di ogni genere. «Ma se avevano uno snack o bibita vuol dire che avevano anche uno zaino dove riporre l’imballo - osserva Giovinazzo - e invece lasciano tutto nei boschi». Poi ci sono coloro che non hanno minimamente cura del bosco. Dopo aver trovato un fungo, non si limitano a cercarne altri attorno. «Si improvvisano veri e propri cercatori d’oro scavando in ogni dove», riprende.

E lo spettacolo che rimane è deprimente: «In questi ultimi giorni i boschi di abete rosso che circondano la Strada Panoramica Zegna, risultano completamente distrutti. Già ci han messo del loro i cambiamenti climatici con le piogge monsoniche concentrate in episodi da meno di un’ora con erosione della lettiera di aghi o foglie e creazione di cumuli alternati a zone in cui la lettiera è stata completamente erosa con terra viva. Non si sentiva certo la necessità di ulteriori danni da inciviltà umana. Rastrellare, spostare, danneggiare la lettiera è vietato per legge. Si fa un danno al bosco ed ai miceli, ma soprattutto a noi stessi, perchè così facendo ci tiriamo la zappa sui piedi, impedendo a storici miceli di poter continuare a fruttificare».

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Lettere

Lettere

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita
Lettera del 14-12-2016

Buongiorno, sono una nipote di Don Cesare Boschin. Mi chiamo Isabella Formica. Lo zio è morto per mano della malavita. Ha difeso sempre i suoi parrocchiani...

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...