Notizia Oggi

Stampa Home

GALLERY: anche Massimo Giletti a Ponzone per il nuovo palasport ''di famiglia''

La struttura sportiva per i prossimi anni porterà il nome della storica azienda di Ponzone
Articolo pubblicato il 27-10-2017 alle ore 11:57:31
GALLERY: anche Massimo Giletti a Ponzone per il nuovo palasport ''di famiglia'' 13
GALLERY: anche Massimo Giletti a Ponzone per il nuovo palasport ''di famiglia'' 13

Massimo Giletti all'inaugurazione del "Pala Giletti", la struttura sportiva di Ponzone che per i prossimi anni porterà il nome della storica azienda grazie a un accordo di sponsorizzazione con il Comune, con un impegno di 10mila euro all’anno da parte della famiglia.

Pochi giorni fa il palasport ha accolto tanti sportivi di ogni età. L’amministrazione comunale del sindaco Mario Carli ha sottolineato l’importanza della struttura sportiva: «E’ un punto di riferimento per tantissimi giovani e per le associazioni». In questi anni il palazzetto ha visto nascere nuove realtà sportive, mentre le associazioni che già c’erano hanno aumentato il numero dei propri iscritti. La passione dello sport si respira a Trivero e Ponzone, attirando anche persone dai paesi vicini. E durante la giornata di inaugurazione anche la società Insport che gestisce il palazzetto ha ricordato i servizi rinnovati, dalla palestra alla possibilità di poter usufruire delle ore del calcetto.

I riflettori si sono accesi ovviamente sulla famiglia Giletti. Presente il patron Emilio con la moglie Giuliana, i figli Maurizio, Emanuele e Massimo. Ed è stato proprio il noto presentatore e giornalista a prendere la parola: «Ritorno sempre volentieri a Ponzone. Perchè qui ha le radici la mia famiglia, è il territorio dove l’azienda è nata e dove è giusto investire». E ha ricordato: «Qui non c’era nulla, era un territorio abbandonato. Poi c’è chi ha creduto e ha investito. Un palazzetto del genere è difficile da trovare. Un applauso va quindi alla politica che l’ha voluto anni fa».

Massimo Giletti ha ricordato il legame quasi secolare tra la sua famiglia e lo sport: «Già nel 1922 Oreste Giletti stimolava gli altri industriali a credere nello sport. Se non si crede nello sport, allora non si crede nel futuro. E sono contento che mio padre abbia deciso di proseguire su questa strada. L’azienda ha dato tanto alla valle, è un legame che ci sarà sempre e siamo orgogliosi della nostra terra. E ci saremo sempre». Poi ha chiamato tutta la famiglia davanti al pubblico per ricevere il giusto applauso. Dopo la presentazione è stato il momento del taglio del nastro con la presentazione della pensilina all’ingresso di quello che ormai sarà il “Pala Giletti”. E non sono mancati i selfie: telefonino in mano, tanti hanno voluto uno scatto con la famiglia Giletti e con il popolare giornalista tornato a casa per l’inaugurazione del palazzetto che per i prossimi anni porterà il nome dell’azienda di famiglia.

 

GALLERY: anche Massimo Giletti a Ponzone per il nuovo palasport ''di famiglia'' 1
GALLERY: anche Massimo Giletti a Ponzone per il nuovo palasport ''di famiglia'' 2
GALLERY: anche Massimo Giletti a Ponzone per il nuovo palasport ''di famiglia'' 3
GALLERY: anche Massimo Giletti a Ponzone per il nuovo palasport ''di famiglia'' 4
GALLERY: anche Massimo Giletti a Ponzone per il nuovo palasport ''di famiglia'' 5
GALLERY: anche Massimo Giletti a Ponzone per il nuovo palasport ''di famiglia'' 6
GALLERY: anche Massimo Giletti a Ponzone per il nuovo palasport ''di famiglia'' 7
GALLERY: anche Massimo Giletti a Ponzone per il nuovo palasport ''di famiglia'' 8
GALLERY: anche Massimo Giletti a Ponzone per il nuovo palasport ''di famiglia'' 9
GALLERY: anche Massimo Giletti a Ponzone per il nuovo palasport ''di famiglia'' 10
GALLERY: anche Massimo Giletti a Ponzone per il nuovo palasport ''di famiglia'' 11
GALLERY: anche Massimo Giletti a Ponzone per il nuovo palasport ''di famiglia'' 12

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Più letti

I più letti

Lettere

Lettere

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita
Lettera del 14-12-2016

Buongiorno, sono una nipote di Don Cesare Boschin. Mi chiamo Isabella Formica. Lo zio è morto per mano della malavita. Ha difeso sempre i suoi parrocchiani...

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...