Notizia Oggi

Stampa Home

Gattinara, assolto il dipendente che postava foto di escursioni mentre era in infortunio

Nel frattempo è tornato alla sua mansione
Articolo pubblicato il 21-07-2016 alle ore 14:58:03
Gattinara, assolto il dipendente che postava foto di escursioni mentre era in infortunio  3
Foto d'archivio
E’ stato assolto, sostanzialmente per mancanza di prove, il dipendente comunale di Gattinara accusato di essere salito sul Monte Rosa mentre era a casa in convalescenza in seguito ad un infortunio. Gli inquirenti infatti non hanno provato che le immagini del lavoratore durante un’escursione in quota, fino alla Capanna Margherita, siano state effettivamente scattate durante il periodo di assenza dal lavoro. Nel frattempo il dipendente è tornato alla sua mansione. Il caso era emerso a febbraio, ma il fatto contestato risaliva a qualche mese prima.
 
Il lavoratore era a casa da un circa un mese in seguito ad un infortunio; durante quel periodo aveva pubblicato alcune foto su Facebook che potevano suggerire una scalata del Monte Rosa durante l’assenza retribuita dall’Inail. Le immagini, in particolare, erano state notate anche da alcuni dirigenti del Comune di Gattinara che avevano segnalato l’episodio ai superiori. In questi casi il segretario comunale ha l’obbligo di far partire una segnalazione all’Inail. Che a sua volta ha segnalato il caso alla Procura della Repubblica, che ha aperto un procedimento penale per truffa ai danni dello Stato.
 
Il Comune di Gattinara aveva dato mandato all’avvocato Simona Rizzello di Varallo di «tutelare i propri interessi ed esercitare l’eventuale azione civile per le restituzioni e il risarcimento del danno». 

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Lettere

Lettere

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...