Notizia Oggi

Stampa Home

Gattinara, successo per il progetto di solidarietà sociale Ti prendo per mano

Anche il Rotary dona mille euro a sostegno dell'iniziativa
Articolo pubblicato il 20-04-2016 alle ore 09:38:00
Gattinara, successo per il progetto di solidarietà sociale Ti prendo per mano 3
La consegna del contributo del Rotary

Entra nel vivo il progetto “Ti prendo per mano” del Comune di Gattinara, che incrementa la cifra raccolta grazie alle donazioni di privati offrendo un’opportunità di lavoro a diciannove persone in difficoltà.

Durante la conviviale del Rotary club gattinarese, il sindaco Daniele Baglione è stato invitato a presentare il progetto ai soci e ai loro ospiti. L’iniziativa consiste nel raccogliere fondi da privati, sponsor e fondazioni per acquistare dei buoni lavoro, che il Comune poi utilizza per far lavorare persone con problemi economici.


«E’ un modo – dice Baglione – per dare a queste persone un minimo di introito, che non è altissimo ma è già qualcosa, ma soprattutto per farle sentire utili e recuperare la loro dignità. Ci sono disoccupati anche giovani e magari laureati, oppure persone che hanno superato i 50 anni e hanno perso il lavoro. Provate a immaginare come possano sentirsi quando il loro reddito viene meno da un momento all’altro e magari hanno pure dei figli da mantenere. Esiste un problema di sopravvivenza, anche se per il cibo in un modo o nell’altro ci si aggiusta, ma esiste anche un problema di dignità. Ci sono persone che di colpo si sentono inutili o giovani preparati e che hanno studiato ma che non riescono a trovare un posto».

La raccolta fondi ha superato i 18mila euro. Il Rotary di Gattinara ha consegnato al sindaco un assegno da mille euro a sostegno del progetto, che permetterà a 19 persone di iniziare a lavorare da subito, grazie ai voucher. «Il bello di questa iniziativa – spiega Baglione – è che non esiste una cifra prestabilita nelle donazioni. C’è la fondazione che dona migliaia di euro, l’azienda che dona centinaia di euro ma ci sono anche diverse persone che fino a poco tempo fa hanno avuto un reddito minimo grazie ai cantieri di lavoro del Comune. Ora hanno trovato per fortuna un lavoro e sono tornate da me per donare 10, 20, 30 euro a sostegno di questa iniziativa, dicendomi: «Io sono stato aiutato e ora che ho trovato lavoro io cerco di aiutare chi è nelle condizioni in cui mi trovavo io».

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Lettere

Lettere

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...