Notizia Oggi

Stampa Home

Ghemme, resta smontata in magazzino la sala polivalente costata un euro

Articolo pubblicato il 22-10-2017 alle ore 18:03:22
Ghemme, resta smontata in magazzino la sala polivalente costata un euro 3
Ghemme, resta smontata in magazzino la sala polivalente costata un euro 3

Niente sala polivalente al Centro Sportivo a Ghemme. Per il momento, sembra tramontata la possibilità di realizzare il salone per feste e cene al centro sportivo. Per metterlo in piedi un paio di anni fa il Comune aveva acquistato per la cifra simbolica di un euro un capannone di 850 metri quadrati utilizzato come mensa per gli operai del cantiere della Pedemontana lombarda. Il prefabbricato, alto 4 metri e largo 11, era stata smontato e i pezzi trasportati nell’area del polo sportivo sotto le pensiline dell’impianto fotovoltaico. L’intenzione iniziale era quella di rimontare la struttura ed utilizzarla in parte come magazzino del palazzetto dello sport e in parte come sala polivalente per ospitare manifestazioni e appuntamenti enogastronomici. Ma al momento quella decisione è stata accantonata. Lo ha confermato l’amministrazione di Davide Temporelli durante un recente consiglio comunale, rispondendo a un’interpellanza del gruppo “Insieme per Ghemme”. «A oggi si comunica che l’opera non verrà realizzata - ha detto il sindaco - , è stata un’opportunità che questa amministrazione ha voluto cogliere per creare una struttura che a Ghemme non c’è. Ma le risorse a disposizione sono state utilizzate per altri interventi. Si ribadisce che l’operazione non è costata nulla al Comune».

Resta da capire quale sarà il destino dei pezzi di lamiera che si trovano al centro sportivo. In passato era stata avanzata l’ipotesi di cederli magari a qualche altro comune o associazione. L’operazione era stata contestata fin dall’inizio dall’ex sindaco Alfredo Corazza, che aveva ironicamente battezzato la struttura “Pala Cenoni”.

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Lettere

Lettere

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita
Lettera del 14-12-2016

Buongiorno, sono una nipote di Don Cesare Boschin. Mi chiamo Isabella Formica. Lo zio è morto per mano della malavita. Ha difeso sempre i suoi parrocchiani...

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...