Notizia Oggi

Stampa Home

Ghemme, riprendono i lavori alla residenza per disabili. Si doveva inaugurare nel 2011

Operazione da 191mila euro
Articolo pubblicato il 19-03-2017 alle ore 07:38:24
Ghemme, riprendono i lavori alla residenza per disabili. Si doveva inaugurare nel 2011 3
Ghemme, riprendono i lavori alla residenza per disabili. Si doveva inaugurare nel 2011 3

All'inizio dei lavori si puntava a inaugurare la struttura in occasione della festa della Beata Panacea del 2011. Da allora sono passati quasi sei anni ma la Residenza assistenziale flessibile (Raf) per disabili di Ghemme dev’essere ancora ultimata. E nel frattempo in paese c’è stata più di una polemica, sia per il cantiere che per lungo tempo ha occupato via Roma, sia per le diverse peripezie che hanno accompagnato la costruzione del nuovo fabbricato, culminate con il contenzioso e la rescissione del contratto con la ditta che aveva vinto l’appalto.

Da qualche settimana, però, all’interno della struttura sono tornati gli operai, con l’obiettivo di portare finalmente a termine la struttura, che come previsto dal progetto avrà cinque camere con dieci posti letto per disabili medio-gravi, un luogo per la cottura dei cibi, una palestra, un'infermeria, un laboratorio, un soggiorno e i servizi per il personale. Già nel 2014 il completamento delle opere edili, la fornitura degli arredi e la gestione ventennale della struttura erano stati affidati alla cooperativa Anteo di Biella.

Ma a questo punto la storia infinita si è arricchita di un altro imprevisto: durante un sopralluogo, infatti, era emerso che una camera era troppo piccola per ospitare due letti e così si è dovuto procedere alla revisione del progetto. Dopo che tutti i problemi sono stati risolti, Anteo ha iniziato il completamento della residenza. L’importo complessivo è di 191mila euro.

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Lettere

Lettere

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita
Lettera del 14-12-2016

Buongiorno, sono una nipote di Don Cesare Boschin. Mi chiamo Isabella Formica. Lo zio è morto per mano della malavita. Ha difeso sempre i suoi parrocchiani...

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...