Notizia Oggi

Stampa Home

Ghemme, la rabbia di un giostraio per la festa chiusa alle 23

In ogni caso, il "coprifuoco" ha funzionato
Articolo pubblicato il 09-05-2016 alle ore 20:34:10
Ghemme, la rabbia di un giostraio per la festa chiusa alle 23 3
Foto d'archivio

Tanta gente alla Mostra del vino di Ghemme che ha chiuso ieri. Le misure adottate per evitare il via-vai di gente più o meno ubriaca fino a tarda notte hanno funzionato. Ma il "coprifuoco" imposto alle 23, orario di chiusura generale, ha generato anche del malcontento tra gli operatori. Per esempio tra i giostrai.

Uno di loro, Davide Ferri, si sfoga così su Facebook: «Festa bellissima come era anni che non accadeva, prepari tutto al meglio, tutto deve funzionare bene le luci devono funzionare tutte il fiocco sotto al pallone nuovo la musica deve essere un po per tutti raccomandi ai figli e anche a mio padre massima attenzione nella sicurezza nella funzione della giostra tutto ok . Ore 23 la giostra è piena si sta lavorando bene, ma il mio lavoro viene umiliato: tassativamente mi fanno chiudere devo restituire i soldi dei gettoni che i clienti non hanno potuto usare, forse era meglio che pioveva almeno me ne facevo una ragione».

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Lettere

Lettere

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita
Lettera del 14-12-2016

Buongiorno, sono una nipote di Don Cesare Boschin. Mi chiamo Isabella Formica. Lo zio è morto per mano della malavita. Ha difeso sempre i suoi parrocchiani...

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...