Notizia Oggi

Stampa Home

Giuseppe Franchini: la Fulgor di Prato Sesia lo ricorda a un anno dalla scomparsa

Aveva 83 anni
Articolo pubblicato il 01-02-2018 alle ore 09:27:00
Giuseppe Franchini: la Fulgor di Prato Sesia lo ricorda a un anno dalla scomparsa 3
Giuseppe Franchini

Un podista come loro, ma prima di tutto un amico: un anno dopo la sua scomparsa, il Gs Fulgor di Prato Sesia ricorda ancora con grande affetto Giuseppe Franchini, mancato all’inizio del 2017 a 83 anni. «Esattamente un anno fa, il 29 gennaio, ci lasciava per sempre Giuseppe Franchini. Uomo gioviale con il sorriso sempre stampato sul volto che ispirava simpatia, ma soprattutto uomo buono e generoso – lo ricordano dal gruppo sportivo - con lui la comunità di Prato Sesia perdeva uno dei migliori componenti. Sempre disponibile e pronto ad aiutare il prossimo: volontariato per anni al Centro anziani e sempre in prima fila a organizzare manifestazioni sportive. Così lo ricordano, sempre con immutato affetto, gli amici del Gs Fulgor di cui Giuseppe era una vera bandiera. Lunedì si sono recati presso la sua dimora a depositare un fiore e recitare una preghiera».

Originario di Barengo ma da anni residente a Prato dopo essersi sposato, Franchini era il podista più anziano del gruppo e ha corso fino all’ultimo momento. L’associazione poteva contare su di lui per diversi impegni: era Franchini, per esempio, a occuparsi di segnare il percorso per il celebre “Cross dal panaton”. «Era una persona capace di lavorare per tre – lo ricorda con affetto il presidente Renzo Brugo – negli ultimi anni capitava che dicesse di volersi ritirare, ma in realtà tornava sempre a correre».

Oltre che allo sport, si dedicava al volontariato: è stato impegnato con l’Aib e con il Centro Incontro per gli anziani. Fra le sue passioni, poi, c’era la sua vigna: grazie anche alla sua forma invidiabile, si occupava personalmente della sua cura. Oggi, la Fulgor lo ricorda attraverso il suo interesse per lo sport: sono dedicate a lui le tappe pratesi della “Gamba d’oro”.

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Lettere

Lettere

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita
Lettera del 14-12-2016

Buongiorno, sono una nipote di Don Cesare Boschin. Mi chiamo Isabella Formica. Lo zio è morto per mano della malavita. Ha difeso sempre i suoi parrocchiani...

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...