Notizia Oggi

Stampa Home

Grignasco: per Luigi e Mafalda matrimonio che dura da 68 anni

Sono originari del Veneto
Articolo pubblicato il 12-10-2017 alle ore 10:04:42
 Grignasco: per Luigi e Mafalda matrimonio che dura da 68 anni 1
Grignasco: per Luigi e Mafalda matrimonio che dura da 68 anni 1

 Luigi Veronese e Mafalda Paesante formano una delle coppie unite in matrimonio da più tempo: pochi giorni fa hanno festeggiato 68 anni di nozze. Davanti al parroco don Enrico Marcioni hanno rinnovato il loro giuramento d’amore insieme ad altre coppie. Veronese e Paesante sono entrambi originari del Veneto ed è qui che si sposarono, in una cerimonia a quattro: mentre Luigi si univa a Mafalda, suo fratello prendeva in moglie la sua amata. Anche il 50° anniversario l’hanno festeggiato insieme, tornando tutti e quattro nell’indimenticata Porto Tolle, in provincia di Rovigo. La coppia è rimasta molto legata al suo paese natio, tornandoci spesso, fino a quando l’età non ha iniziato a far sentire il proprio peso.

Qualche anno dopo il matrimonio la famiglia si è fatta più grande, con la nascita di due figli: Andrea e Agostino. Sono entrambi molto noti in paese e anche oltre i confini cittadini: il primo è musicista, il secondo impegnato in politica e referente per Legambiente.

Raggiungendo dei fratelli che già vivevano a Grignasco, Luigi e Mafalda sono arrivati in paese nell’estate del 1965 e da allora non si sono più spostati da via Rosa Massara. L’uomo, che già in Veneto era impiegato nell’officina di un’azienda agricola, quando è arrivato in Valsesia ha lavorato come meccanico insieme a un fratello. Successivamente è stato assunto alla “Negri fratelli”, dove è rimasto fino all’età della pensione. Mafalda invece ha lavorato dapprima nei campi, per poi dedicarsi alla casa e alla famiglia. Ma qual è il segreto per far durare così a lungo un matrimonio? «Credo che il valore aggiunto stia nel loro essere attaccati alla famiglia e ai suoi valori - dice il figlio Andrea -. Papà è sempre stato una persona rispettosa, vicino ai figli e ai nipoti. Per loro la famiglia è al primo posto».

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Lettere

Lettere

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita
Lettera del 14-12-2016

Buongiorno, sono una nipote di Don Cesare Boschin. Mi chiamo Isabella Formica. Lo zio è morto per mano della malavita. Ha difeso sempre i suoi parrocchiani...

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...