Notizia Oggi

Stampa Home

Guerre di confine per gli orari dei videopoker

Gli amministratori biellesi si trovano in una situazione delicata
Articolo pubblicato il 18-04-2017 alle ore 20:29:01
foto repertorio
foto repertorio

Le slot machine dividono il Vercellese e il Biellese. A Roasio e in generale nel Vercellese non ci sono vincoli sull’utilizzo dei videopoker: e così a rimetterci sono i locali a confine del Biellese, dove invece la prefettura ha imposto determinati vincoli da rispettare. E così i primi cittadini biellesi si trovano in una situazione delicata: costretti a tenere conto delle disposizioni del questore, ma allo stesso tempo non possono mettersi contro i propri pub che utilizzano le slot.

 Tutto è partito da Brusnengo con il sindaco Fabrizio Bertolino costretto a osservare la disposizione del questore. Inizialmente l’ordinanza vietava di tenere accesi gli apparecchi al mattino e al pomeriggio. La questione ha fatto sobbalzare i bar e locali del paese che dispongono delle slot machine, i titolari hanno fatto notare che a Roasio non c’è alcun vincolo e così i loro clienti si riversavano nel centro vercellese a giocare. Da qui la marcia indietro del sindaco che ha deciso di imporre l’ordinanza, ma un po’ più morbida, vietando l’accensione solo al mattino presto e la sera tardi. «Non potevo andare contro ai miei esercenti - fa notare Fabrizio Bertolino -. Non abbiamo sale slot in paese, ma alcuni bar tengono queste macchinette che alla fine servono per pagare la bolletta della luce, insomma è comunque una entrata». E sulle slot in generale aggiunge: «So bene che è un problema, ma dovrebbe essere lo Stato a regolamentarne in modo uniforme il funzionamento su tutto il territorio senza creare conflitti o concorrenza». Con Brusnengo che è diventato più permissivo, anche il Comune vicino di Masserano ha dovuto rivedere l’ordinanza con il sindaco Sergio Fanotne che ha “copiato” il documento del collega. Tutta colpa dei Comuni del vercellese dunque? Non di certo, ma davanti allo Stato che non dà regole uniformi è normale che tra i paesi confinanti delle varie province si crei una “guerra all’ultimo giocatore”. Proprio come capitato a Brusnengo dove i clienti-giocatori vista l’ordinanza hanno preso l’auto e superato il confine per continuare a gettare monetine dentro le macchinette sperando prima o poi di centrare la vittoria che raramente arriva. E ai sindaci, per non danneggiare troppo i propri locali, non resta altro che adeguare le ordinanze.

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Più letti

I più letti

Lettere

Lettere

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita
Lettera del 14-12-2016

Buongiorno, sono una nipote di Don Cesare Boschin. Mi chiamo Isabella Formica. Lo zio è morto per mano della malavita. Ha difeso sempre i suoi parrocchiani...

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...