Notizia Oggi

Stampa Home

"Hanno venduto i denti per giocarsi i soldi"

Storie di vizi e virtù al banco dei "compro oro"
Articolo pubblicato il 16-11-2015 alle ore 23:41:55
"Hanno venduto i denti per giocarsi i soldi" 3
Storie incredibili al banco dei "compro oro"

«All’inizio arrivavano donne e uomini di mezza età che si vendevano l’oro per togliersi uno sfizio. Portavano anelli, bracciali e catenine: noi pagavamo e loro uscivano paghi. Poi la recessione si è inasprita e sbarazzarsi dei gioielli di famiglia è diventata una necessità: si vende non per soddisfare vizi e sfizi ma per fare la spesa, acquistare libri di testo per i figli o pagare la rata del mutuo. Per chi è in difficoltà la possibilità di monetizzare preziosi, spesso dimenticati in fondo a un cassetto, può regalare un po’ di ossigeno».
Parla così Rosa Noemi Sarasso, titolare del “Centro compro oro” con negozi a Borgosesia e Biella, una delle prime donne che hanno saputo cogliere questa richiesta dei consumatori e trasformarla in realtà commerciale redditizia.
La sua è una storia che racconta la crisi degli ultimi anni  ma anche vicende incredibili di vizi e virtù: suocere che vendono l'oro per non lasciarlo in eredità alle nuore, giovani che vendono la catenina del battesimo per pagarsi l'ingresso in discoteca, anziani che si vendono i denti d’oro per giocarsi i soldi a carte. Ma anche una ragazza che ha trasformato in contante l'oro per pagarsi il viaggio a Treviso e assistere al processo contro il padre che l'aveva seviziata da bambina.

 

Leggi di più sul numero di Notizia Oggi in edicola

Tags: compro oro,borgosesia,biella

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Lettere

Lettere

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...