Notizia Oggi

Stampa Home

I diciottenni di Lozzolo al lavoro per il territorio

Progetto "Lozzolese doc"
Articolo pubblicato il 14-09-2016 alle ore 18:48:16
I diciottenni di Lozzolo al lavoro per il territorio 2
I diciottenni con il sindaco

Prima dell’inizio delle scuole si è concluso il progetto formativo Lozzolese Doc organizzato dall’amministrazione. Lo scorso 24 aprile, in occasione della celebrazione a San Giorgio santo patrono di Lozzolo, i neo diciottenni avevano aderito all’attività e durante le vacanze estive si sono impegnati per la realtà lozzolese. 

«Il fine dell’iniziativa, visto il passaggio dallo status di ragazzo ad adulto, è quello di far apprendere il senso di comunità e di cittadinanza attiva il quale porta a capire la bellezza della condivisione, della collaborazione, del non spreco, della manutenzione e della difesa del bene comune - spiega il sindaco Roberto Sella -. Inoltre si crede che questa sia anche l’occasione per far sentire il Comune e le proprietà comunali come casa propria».


Pertanto ogni ragazzo ha dedicato dieci ore, frazionate in più giorni, nella quale ha svolto dei lavori, utili a migliorare il paese, in funzione alle proprie inclinazioni. Inoltre, per far comprendere l’importanza del lavoro svolto da ognuno, i giovani lozzolesi sono stati retribuiti per il loro impegno.
Riprende il primo cittadino: «L’amministrazione si ritiene soddisfatta del progetto perché crede di aver trasmesso dei sani valori ai ragazzi utili per il loro bagaglio di vita. Gli stessi giovani si sono dimostrati soddisfatti per aver appreso il funzionamento della macchina comunale e la funzione che essa svolge per il bene del paese, oltre che aver potuto capire l’importanza di impegnarsi nel lavoro per migliorare il proprio futuro».

C’è stata buona risposta da parte dei ragazzi neodiciottenni che hanno capito l’importanza della iniziativa, i giovani si sono impegnati in alcuni lavoretti risistemando anche in parte il territorio comunale. Ma soprattutto con questa iniziativa hanno preso coscienza di cosa vuol dire impegnarsi per il territorio. L’obiettivo del progetto lanciato dalla giunta è proprio quello di creare una cittadinanza sempre più attiva e attenta al territorio in cui viva in modo da formare i cittadini di domani in modo sempre più consapevole.
L’iniziativa verrà promosso anche il prossimo anno per cercare di dare una continuità al progetto e formare sempre di più i futuri cittadini tenendoli legati anche al territorio.


«Siamo soddisfatti di questa prima edizione - conclude Sella -.Siamo stati contenti soprattutto per la positiva risposta che c’è stata, è un progetto che ha una valenza soprattutto educativa per formare le nuove generazioni e fargli capire l’importanza di lavorare insieme sul territorio».

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Lettere

Lettere

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita
Lettera del 14-12-2016

Buongiorno, sono una nipote di Don Cesare Boschin. Mi chiamo Isabella Formica. Lo zio è morto per mano della malavita. Ha difeso sempre i suoi parrocchiani...

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...