Notizia Oggi

Stampa Home
Intervento dei carabinieri

I truffatori della Punto verde ci hanno riprovato in Valsessera

I due denunciati sono residenti ad Armeno
Articolo pubblicato il 04-02-2016 alle ore 12:10:25
Foto di repertorio
Foto di repertorio

Hanno tentato la fuga tra Valsessera e Valsesia, alla fine due truffatori di 40 anni di Armeno già conosciuti alle forze dell'ordine sono stati fermati dai carabinieri. La Punto verde era stata segnalata al 112 da diversi cittadini di Crevacuore e Coggiola aggirarsi per le vie e lungo le frazioni. Tra l'altro qualche giorno prima i due avevano avuto un foglio di via dai carabinieri in quanto trovati in possesso di oggetti utili a scassinare porte e finestre. Ma i due novaresi non hanno desistito. Nel fine settimana si sono rimessi all'opera. Alla centrale operativa dei carabinieri è arrivata la chiamata di un commerciante che raccontava di aver visto due tipi sospetti usciti da una Fiat Punto verde intenti a suonare insistentemente al campanello di un pensionato che vive solo. Le pattuglie dei carabinieri si sono cosi messe sulle tracce dell'auto che nel frattempo si era allontanata in direzione Borgosesia. Quando sono stati fermati non hanno posto resistenza e sono stati muniti di un nuovo foglio di via obbligatorio con l'aggiunta di una denuncia per non aver rispettato lo stesso provvedimento.

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Lettere

Lettere

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita
Lettera del 14-12-2016

Buongiorno, sono una nipote di Don Cesare Boschin. Mi chiamo Isabella Formica. Lo zio è morto per mano della malavita. Ha difeso sempre i suoi parrocchiani...

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...