Notizia Oggi

Stampa Home

Il ''blu camp'' della Dufour fa il boom di partecipanti

Al campo sportivo di Roccapietra
Articolo pubblicato il 20-06-2017 alle ore 10:37:11
Il ''blu camp'' della Dufour fa il boom di partecipanti 2
I calciatori con amministrazione e organizzatori

Un vero boom di piccoli calciatori per il secondo anno del “Blu camp” organizzato dalla Dufour Varallo, in collaborazione con il Brescia calcio e presentato mercoledì scorso in Comune alla presenza della nuova Amministrazione. La società nero verde, nel campo sportivo di Roccapietra, ha già ospitato il primo gruppo di cinquanta bambini, annate dal 2002 al 2011, il secondo stage con venti ragazzi ha preso invece il via nella giornata domenica e si concluderà sabato. 

«Grazie a tutte le persone che per questo secondo anno ci hanno dato fiducia - afferma Carlo Toro consigliere della Dufour Varallo. I numeri sono importanti, abbiamo avuto un record di iscritti e siamo contentissimi. Con il responsabile del settore giovanile del Brescia si sono inoltre messe le basi per collaborare nuovamente e i bambini del camp verranno invitati a trascorrere una giornata allo stadio e incontrare gli atleti. Inoltre c’è la possibilità che Varallo accolga i ritiri della prima squadra».


Settimane quindi all’insegna del calcio ma non solo. Seguiti dai vari tecnici, oltre agli allenamenti in campo, i ragazzi hanno partecipato a diverse attività tra cui un corso di inglese e una giornata in visita all’azienda agricola Cerini di Varallo. «Il prossimo anno faremo di tutto per riproporre il progetto – conclude il consigliere -. In occasione del camp abbiamo inoltre inaugurato i due nuovi pulmini che accompagneranno tutto l’anno i ragazzi. Questa prima settimana è stata quindi intensa, si parte ora con la seconda al pieno di energia».

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Lettere

Lettere

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita
Lettera del 14-12-2016

Buongiorno, sono una nipote di Don Cesare Boschin. Mi chiamo Isabella Formica. Lo zio è morto per mano della malavita. Ha difeso sempre i suoi parrocchiani...

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...