Notizia Oggi

Stampa Home
Appello

Il Demanio continua a ignorare i capannoni militari di Roasio

La struttura chiusa da anni chiede un intervento di riqualificazione
Articolo pubblicato il 15-02-2016 alle ore 16:28:08
L'interno dei capannoni di Roasio
L'interno dei capannoni di Roasio

Passano i mesi, ma dal Demanio sugli ex capannoni militari non arriva nessuna novità e così Roasio si trova nuovamente alle prese con un problema ambientale e di sicurezza. Il sindaco Gianmario Taraboletti si è mosso sin da subito per cercare di aprire un dialogo con il Demanio, volto a trovare una soluzione. Ci sono migliaia di metri quadrati di superficie abbandonata con edifici fatiscenti che rischiano di essere occupati, come già capitato, da un momento all’altro per un rave party. Ma c’è anche una questione ambientale con tetti completamente coperti da eternit, ormai in gran parte sfaldato. In realtà Taraboletti aveva già avviato i contatti, ma ogni volta si è trovato a dover parlare con un dirigente responsabile diverso a causa delle continue sostituzioni in capo al Demanio. «In effetti - conferma - ho avuto una serie di colloqui telefonici con persone sempre diverse... Mi hanno detto che alcun rappresentati del Demanio erano saliti a Roasio per un sopralluogo agli ex capannoni militari pur non avvisando in Comune e nessuno dell’amministrazione». Proprio nelle scorse settimane Taraboletti aveva richiamato i Demanio e questa volta aveva parlato con un altro responsabile che ovviamente ha detto che deve prendere in mano la pratica e visionarla. Di fatto si riparte sempre da zero. Il prossimo colloquio è fissato tra circa un mese, ma intanto si avvicina anche Pasqua e l’allerta rimane alta visto che il popolo dei rave di solito per quel periodo propone sempre qualche uscita. Roasio come altri capannoni abbandonati rimane dunque un “obiettivo sensibile”.

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Lettere

Lettere

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita
Lettera del 14-12-2016

Buongiorno, sono una nipote di Don Cesare Boschin. Mi chiamo Isabella Formica. Lo zio è morto per mano della malavita. Ha difeso sempre i suoi parrocchiani...

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...