Notizia Oggi

Stampa Home

Il minipalio ad Agnona: «Siamo uniti e allegri, ecco il nostro segreto»

Il rione di Borgosesia soddisfatto dopo il successo della sua mascherata a piedi
Articolo pubblicato il 21-02-2016 alle ore 08:21:49
Il minipalio ad Agnona: «Siamo uniti e allegri, ecco il nostro segreto» 3
La mascherata di Agnona

Per il rione Agnona quello conquistato domenica scorsa è il suo ottavo minipalio. La sua mascherata a piedi “I color dal Carlavèe anca la pora fan passèe” è stato premiato dalla giuria: «Ci speravamo, ma non ce lo aspettavamo perché i nostri concorrenti hanno sfilato con costumi molto belli, allegri e originali - commenta Renzo Da Rodda, del direttivo e tra i fondatori del comitato di Agnona -. La soddisfazione è ancora maggiore considerando che da quando il nostro gruppo si è costituito, nel 1975, siamo riusciti a portare a casa due volte il palio per i carri e otto volte il minipalio. Il merito di questi successi? Credo sia l’allegria che ci caratterizza e il forte legame tra tutti noi». 

«Quando hanno pronunciato il nostro nome è stato un momento indescrivibile - continua Da Rodda -: un’emozione attesa da anni e che ci ripaga di tutti gli sforzi. Ancora adesso stiamo vivendo sull'onda di quella emozione: abbiamo messo l’anima per creare questa mascherata e ora che il nostro lavoro è stato riconosciuto non possiamo che esserne felici».

La mascherata è stata ideata, progettata e realizzata dai componenti del gruppo rionale: «Per sei mesi abbiamo trascorso molte sere a lavorare alla mascherata: le donne cucivano i costumi, gli uomini i lavori più pesanti e tutti insieme ci siamo impegnati per la cartapesta per i carretti. Nonostante il lavoro sia molto, quando l’opera è pronta ne siamo sempre fieri. Quest’anno ancor di più visto che ci ha permesso di vincere il minipalio».

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Lettere

Lettere

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...