Notizia Oggi

Stampa Home

Il presepe di Doriano Role Mucet è diventato un libro fotografico

L'opera era stata esposta al Centro anziani
Articolo pubblicato il 01-04-2016 alle ore 09:22:17
E' diventato un libro il presepe di Doriano Role Mucet 2
Doriano Role Mucet accanto al suo presepe

Il presepe del centro anziani di Prato Sesia è diventato un libro. Per lo scorso Natale il pratese Doriano Role Mucet ha realizzato un presepe unico nel suo genere, riproducendo le architetture tipiche della Valsesia. Un lavoro lungo e minuzioso, risultato in un’autentica opera d’arte che ha lasciato a bocca aperta i volontari, gli ospiti e i visitatori del Centro. Tanto che la consigliera della Fondazione Carlo Polo Cristina Schweiger ha pensato di riportare l’opera in un libretto fotografico.

«L’idea del presepe è nata quando c’era ancora la presidenza di Adriano Manuelli – racconta la consigliera – circa un anno fa, Doriano stava costruendo queste casette in miniatura sullo stile delle case valsesiane e gliene ha fatte vedere alcune. Ad Adriano sono piaciute moltissimo e hanno pensato a un presepe». All’inizio dell’autunno, purtroppo, Manuelli è mancato, ma Role Mucet è andato avanti con il progetto, che infine gli ha dedicato. 

Il libro ripercorre la realizzazione del presepe e la sua inaugurazione attraverso le immagini del fotografo Sandro Mori, alcuni articoli di giornale sull’opera e qualche fotografia scattata dalla presidente della Fondazione Olga Albera. Sulle pagine si vedono, fra le altre cose, Role Mucet al lavoro, la benedizione di don Mario Vanini all’opera finita, i volontari in cucina intenti a preparare la polenta che sarà servita alla serata inaugurale: immagini di vita pratese, registrate anche su cd. Per le prime ordinazioni è già in corso la stampa di una cinquantina di libri.

Chi volesse acquistare il libro, al costo di 15 euro, o il cd, al costo di 10, può rivolgersi a Schweiger al numero 0163 850554 oppure passare al Centro.
Il presepe, attualmente ritirato, tornerà visitabile sotto Natale. «Doriano ha intenzione di allargarlo ulteriormente e sta già costruendo delle nuove casette – annuncia Schweiger – per il prossimo Natale pensiamo in grande perché ho trovato questo presepe davvero eccezionale. Bisogna valorizzarlo molto: non penso ci siano opere d’arte di questi tipo nella nostra zona».

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Lettere

Lettere

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita
Lettera del 14-12-2016

Buongiorno, sono una nipote di Don Cesare Boschin. Mi chiamo Isabella Formica. Lo zio è morto per mano della malavita. Ha difeso sempre i suoi parrocchiani...

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...