Notizia Oggi

Stampa Home

«Il pronto soccorso di Borgo ha salvato la vita a mio fratello»

Al Santi Pietro e Paolo
Articolo pubblicato il 29-01-2017 alle ore 11:42:58
«Il pronto soccorso di Borgo ha salvato la vita a mio fratello» 3
Al Santi Pietro e Paolo di Borgosesia

Tagli ai reparti, personale che manca, tempi d'attesa eterni al pronto soccorso: ma l'ospedale di Borgosesia non è soltanto questo. E' anche professionalità e umanità. Questa volta è Euridice Foglia, residente a Cavallirio, a voler raccontare la propria storia. «Mio fratello ha 61 anni e stava male ormai da diverso tempo – dice la donna -; si è rivolto al medico di base e al polo sanitario di Trivero, ma senza successo. Il primo gli ha consigliato di prendere della Tachipirina, nel secondo caso è stata effettuata una veloce visita ed è stato mandato a casa con la prescrizione di un antibiotico e la diagnosi di un polmone completamente chiuso, con la raccomandazione di andare dopo sei giorni dal suo medico curante». Passa qualche giorno, e la donna telefona al fratello per sapere se si sente meglio. E invece lui spiega di non farcela più, di stare male, di faticare a muoversi e anche solo a respirare. A quel punto Foglia raggiunge il fratello, che sta a malapena in piedi da solo, e lo porta al pronto soccorso del Santissimi Pietro e Paolo.

«Giusto il tempo di arrivare e l'infermiera del Triage si è subito accorta della gravità della sua situazione – racconta ancora la donna -; nel giro di dieci minuti è stato visitato da un medico, poi ecografia, esame del sangue, raggi X e Tac. Insomma, in breve tempo avevano un quadro completo, ed era tremendo: entrambi i polmoni erano affetti da estesi focolai di polmonite. Mi hanno detto che è stata una fortuna che l'ho portato al pronto soccorso, gli ho salvato la vita». Nonostante il tanto lavoro per le numerose influenze, l'uomo è stato seguito e monitorato tutta la notte e al mattino trasferito in reparto. «Anche qui il personale è stato eccezionale – dice ancora Foglia -. Erano tutti provati per il boom di accessi, ma non si sono risparmiati nemmeno per un minuto. Oltre che preparato, il personale è molto disponibile. Nel reparto di medicina mio fratallo ha trovato medici e infermieri straordinari, che lo sostengono anche moralmente. Nella sfortuna posso dire che siamo stati fortunati a trovare professionisti così».

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Lettere

Lettere

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita
Lettera del 14-12-2016

Buongiorno, sono una nipote di Don Cesare Boschin. Mi chiamo Isabella Formica. Lo zio è morto per mano della malavita. Ha difeso sempre i suoi parrocchiani...

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...