Notizia Oggi

Stampa Home
Interrogatorio di garanzia per il bulgaro che ha assaltato il bar "La sportiva"

Il rapinatore di Ghemme era andato a lavorare

Dopo il colpo si era recato nella ditta di carni di cui è dipendente
Articolo pubblicato il 11-12-2015 alle ore 08:16:06
Il rapinatore di Ghemme era andato a lavorare 3
Foto d'archivio

Dimitrov Chianin ha ammesso tutto. E ha anche chiesto scusa. E' lui, immigrato bulgaro di 36 anni, l'uomo che la scorsa settimana ha rapinato il bar "La sportiva" di Ghemme con il volto nascosto da un passamontagna e con una pistola giocattolo. Era entrato nel locale intorno alle 6.30 e aveva minacciato il personale con l'arma finta. Poi se n'era andato con circa 500 euro. Ma non era fuggito: era andato a lavorare, come se nulla fosse, in una ditta di carni. Non c'è voluto molto per i carabinieri rintracciarlo e, dopo un veloce controllo con i gestori del locale rapinato, arrestarlo.

L'altro giorno, all'interrogatoriodi garanzia, l'uomo ha ammesso tutto davanti al giudice, scusandosi anche per il suo gesto. L'avvocato difensore ha chiesto se dalla custodia cautelare in carcere si possa passare ai domiciliari, o comunque a una misura più blanda, in attesa del giudizio.

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Lettere

Lettere

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...