Notizia Oggi

Stampa Home
Curiosità

In classe a Mosso arriva Massimo Giletti

Il giornalista in aula per parlare del progetto "Salviamo Budelli"
Articolo pubblicato il 15-01-2017 alle ore 15:30:04
Massimo Giletti con gli studenti
Massimo Giletti con gli studenti

Bella sorpresa per i ragazzi della IIIª B della scuola media di Mosso che in settimana hanno ricevuto la visita di Massimo Giletti. Il giornalista Tv era infatti salito da Roma a Ponzone per salutare la famiglia e ha deciso di fare un salto dai ragazzi che  si stanno battendo per recuperare l’isola di Budelli. Domenica 8 gennaio, all’interno del suo programma «L’Arena», il giornalista biellese aveva dedicato ampio spazio a quella che ha definito «un’idea geniale» per salvare l’isola sarda dall’arrivo di speculatori stranieri. Giletti ha ribadito che intende continuare a sostenere questi ragazzi. «Magari resterà solo un bel sogno - ha affermato il noto conduttore televisivo - ma intanto bisogna crederci ed impegnarsi» Giletti, durante la visita alla scuola di Mosso, accolto da studenti e professori, ha confermato il suo impegno attraverso il piccolo schermo e anche quello di contattare la Nazionale cantanti. Molti i soggetti coinvolti a sostegno di questo bel sogno. La speranza è che il messaggio lanciato da una scuola di montagna che guarda il mare sia raccolto dalla società degli adulti. Dalla comunità sarda di Biella, Massimo Zaccheddu ha composto, scritto e musicato la canzone “Passeggiando per Budelli”. Montata e animata dai giovani studenti biellesi, da loro presentata all’interno della principale festa sarda di Biella, è ascoltabile e scaricabile su You Tube.
Ora, l’obiettivo è quello di raccogliere 100.000 euro per sette progetti da realizzare entro il 30 giugno 2017 assieme al WWF, al Parco Nazionale della Maddalena e alle Comunità locali. Si punta a una passerella, una borsa di studio, ma anche un sistema di webcam per monitorare dalla scuola l’isola.

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Più letti

I più letti

Lettere

Lettere

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita
Lettera del 14-12-2016

Buongiorno, sono una nipote di Don Cesare Boschin. Mi chiamo Isabella Formica. Lo zio è morto per mano della malavita. Ha difeso sempre i suoi parrocchiani...

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...