Notizia Oggi

Stampa Home

Insegna inglese, vince ''Applauditissimo'' cantando Liza Minnelli

E già nel 1998 era salita sul palco dello show organizzato da Drigo
Articolo pubblicato il 19-09-2016 alle ore 10:44:09
 Insegna inglese, vince ''Applauditissimo'' cantando Liza Minnelli 2
Sonya Ferraiuolo

È una giovane insegnante gattinarese la vincitrice dell’ultima edizione di “Applauditissimo”, il “talent show” organizzato dal trasformista Paolo Drigo per la prima serata della Festa dell’Uva di Gattinara di quest’anno. La 29enne Sonya Ferraiuolo, nella vita docente di inglese all’Istituto alberghiero cittadino, si è aggiudicata la vittoria con un’interpretazione di Liza Minnelli in “New York, New York”. Appassionata di recitazione, la ragazza è parte della Compagnia Teatro di Gattinara: proprio con il gruppo cittadino aveva già interpretato il brano di Liza Minnelli nell’ambito del musical “Priscilla on the road”, che in primavera ha registrato varie serate di “tutto esaurito”. “New York, New York” era un “pezzo”, dunque, già affrontato, ma che rimane comunque piuttosto impegnativo.

«Mi ero già preparata per il musical – racconta Ferraiuolo – e in quel momento per l’interpretazione del brano avevo dovuto provare un be po’, non essendo fra l’altro una professionista e non avendo mai studiato canto». La “conoscenza” con l’opera di Minnelli, che ha in “New York New York” il suo brano più celebre, è stata quasi casuale: «Ascolto di tutto, gli stili di musica più disparati – spiega – e quando ho sentito questo pezzo, ha iniziato a incuriosirmi». Forse non tutti sanno, poi, che la stessa Minnelli, già figlia d’arte e molto nota come cantante e attrice cinematografica, è stata prima di tutto una stella del teatro, dove ha esordito a soli 17 anni.

La scelta di Ferraiuolo di proporre un brano legato all’attività teatrale, invece, non è stata affatto casuale: «Parlando con la regista della mia compagnia, era emersa la proposta di pubblicizzare in questo ambito il teatro e la prossima stagione, ma essendoci la Festa dell’Uva in corso, quasi tutti i componenti erano impegnati nei chioschi. Ero l’unica libera e dunque l’ho fatto io. Inizialmente si pensava a una cosa più in grande, ma essendo sola è stata ridimensionata». Oltre a calcare i palchi come attrice teatrale, la giovane ha praticato danza per alcuni anni, già tempo fa, ma ha poi dovuto interrompere per ragioni di studio.

È curioso però ricordare che fin da giovanissima ha dato prova di talento artistico: era infatti salita sul palco dello show organizzato da Drigo già nel 1998, a soli 11 anni, ballando su un brano delle Spice Girls. Allora non era stata premiata ufficialmente, ma si era già distinta, ricevendo una targa in qualità di migliore ballerina per il settore giovanissimi. Oggi, Ferraiuolo nel tempo libero canta, si dedica al teatro e riserva del tempo anche al volontariato, donando sangue all’Avis. E se spesso gli artisti hanno un palco in particolare su cui sognano di esibirsi, la gattinarese si dice già soddisfatta: «Il teatro mi dà già molte soddisfazioni e sono davvero contenta di farlo – racconta –. Ero molto timida e il teatro mi ha aiutato parecchio ad aprirmi ed esprimermi». Laureata in lingue, nella vita di tutti i giorni Ferraiuolo si dedica all’insegnamento e, come detto, è docente di inglese nell’Istituto alberghiero cittadino. Ora non resta che attendere la prossima esibizione con il Gruppo Teatro di Gattinara, nonché la prossima edizione di “Applauditissimo”, che dopo vent’anni ha saputo riportare in vista i talenti più disparati, dal canto al cabaret.

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Lettere

Lettere

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita
Lettera del 14-12-2016

Buongiorno, sono una nipote di Don Cesare Boschin. Mi chiamo Isabella Formica. Lo zio è morto per mano della malavita. Ha difeso sempre i suoi parrocchiani...

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...