Notizia Oggi

Stampa Home

Judo, Michele Valeri è vice campione d’Italia

Ha conquistato la cintura nera a Riccione
Articolo pubblicato il 10-06-2017 alle ore 10:17:36
Judo, Michele Valeri è vice campione d’Italia 2
Michele Valeri è il primo da sinistra

Judo, Michele Valeri è vice campione d’Italia under 18 e cintura nera. Sabato 3 giugno sarà una data da ricordare a lungo per il Judo Gattinara: Valeri Michele dalla quinta posizione in Ranking list Italiana, ha avuto accesso diretto alle finali dei campionati italiani che sono andate in scena al Play Hall di Riccione. Erano 34 i ragazzi selezionati da tutta Italia per conquistare l’ambito podio e per Valeri è stata la quinta finale; il giovane ha alle spalle già un podio nel 2014 da Esordiente. 

La gara presentava parecchie difficoltà, anche se tutti i concorrenti si sono rivelati preparati al meglio; in palio per i primi quattro classificati c’era la cintura nera. Valeri ha trovato al primo incontro un avversario proveniente dall’Emilia Romagna che si è dimostrato scomodo, ma il gattinarese mette a segno un waza ari che porterà fino al termine facendogli superare il primo turno. Al secondo combattimento Valeri incontrerà il capolista della Ranking list, il siciliano Pirelli; l’isolano attacca subito forte e veloce ma Michele non si fa sorprendere e dopo aver messo a segno un waza ari lo immobilizza e porta a casa il secondo match. Vecchia conoscenza al terzo turno, il torinese Creata della Società Accademia. La sua presenta non preoccupa Valeri e gli allenatori, ma la meta è vicina e nessuno è disposto a lasciare margini. Anche qui Valeri si porta in vantaggio di waza ari e conclude in una fase concitata con un’ immobilizzazione, aggiudicandosi la semifinale. Questo è l’incontro decisivo che darà o la certezza del podio con la finale o un incontro che potrebbe escludere il perdente dalla conquista della ambita cintura nera. Il campano Carbone è una vecchia conoscenza, judoka capace e temibile ma Valeri non si fa intimorire e conduce bene l’incontro dominando sulle prese e con una buona posizione. Ancora una volta il judoka gattinarese mette a segno una proiezione che gli frutta waza ari, continua l’azione in lotta a terra e vince per ippon: in questo modo conquista la finale e l’ambita cintura nera.

Al momento della finalissima da una lato per Valeri c’è la certezza del podio, dall’altro la voglia di far tutto il possibile per conquistare il gradino più alto. L’incontro prosegue con un judoka, Iudicelli dell’Accademia Torino già incontrato più volte e su cui Valeri ha sempre avuto la meglio. Si parte subito bene e il gattinarese stacca da terra l’avversario con un colpo d’anca proiettandolo con violenza ma non perfettamente e marca waza ari.
Il ritmo è altissimo e nessuno dei due cede il passo. Anche Iudicelli riesce a infilarsi nella guardia di Valeri e pareggia il conto. Per due volte il gattinarese viene immobilizzato e puntualmente si libera ma non alla terza occasione quando il fortissimo torinese riesce a portare una leva al braccio e a vincere l’incontro.


Applausi al vincitore ma anche a Valeri: i due si sono allenati insieme molte volte e li lega un’amicizia da tatami che dura da parecchio. Bello l’abbraccio sincero tra i due a fine incontro. Per il Judo Gattinara è la prima volta che un atleta conquista la cintura nera in combattimento e con una finale ai Campionati Italiani. Ora si aprono nuove opportunità e la consapevolezza che potrebbero spalancarsi le porte per una convocazione in nazionale.

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Lettere

Lettere

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita
Lettera del 14-12-2016

Buongiorno, sono una nipote di Don Cesare Boschin. Mi chiamo Isabella Formica. Lo zio è morto per mano della malavita. Ha difeso sempre i suoi parrocchiani...

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...