Notizia Oggi

Stampa Home

La difesa del clan Di Giovanni: «Nessuna minaccia, mai visto armi»

Negato ogni addebito
Articolo pubblicato il 17-11-2016 alle ore 07:04:45
La difesa del clan Di Giovanni: «Nessuna minaccia, mai visto armi» 3
Beni sequestrati ai Di Giovanni

Dopo la lunga serie di accuse arrivate da imprenditori e persone che si dicono taglieggiate dal clan, al processo "Bloodsucker" la parola passa ai membri del clan Di Giovanni. Che negano tutto: di essere soliti a maneggiare armi, di aver messo in piedi un giro di usura e di estorsione, di aver mai minacciato chiunque. Insomma, come era già avvenuto, gli imputati respingono ogni addebito. E soprattutto per quanto riguarda le armi, ricordano che mai nulla era emerso dalle perquisizioni effettuate nei luoghi di lavoro tra Romagnano e Sizzano.

Tra gli imputati anche Pierluigi Baglivi, l'uomo che a Prato Sesia gestiva l'Eden Night Club, che ha negato qualsiasi coinvolgimento del locale in affari loschi, incontri sospetti e prostituzione. Nel processo sono sette le persone imputate a vario titolo di estorsione, usura e riciclaggio.

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Lettere

Lettere

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...