Notizia Oggi

Stampa Home

La follia di una legge: la scuola di Trivero costretta a vigilare su 200 metri di strada

Articolo pubblicato il 05-11-2017 alle ore 16:00:17
La follia di una legge: la scuola di Trivero costretta a vigilare su 200 metri di strada 3
La follia di una legge: la scuola di Trivero costretta a vigilare su 200 metri di strada 3

Bambini e ragazzi sotto i 14 anni non possono tornare a casa da scuola da soli: l’ha deciso la Corte di Cassazione in una recente sentenza. Se dovesse venire confermata la decisione, a Trivero c’è il problema dei ragazzi delle medie che escono da scuola e prendono il pullman alla fermata vicino al municipio: 200 metri di strada, forse meno. Come fare? Una soluzione bisognerà trovarla.

E la dirigente scolastica Tiziana Tamburelli ci sta già pensando. «Alla media di Trivero c’è una problematica da superare - spiega -. Alcuni ragazzini prendono il bus e la fermata non si trova davanti alla scuola ma nella piazzetta del comune. Chi li dovrebbe accompagnare quindi al pullman? Bisognerà ragionare su questi interrogativi». Anche perchè la sentenza non ammette deroghe.

La Corte di Cassazione ha infatti riconosciuto colpevole scuola e Miur per la morte di uno studente investito da un autobus 15 anni fa. A nulla, quindi, potranno servire le autorizzazioni e le liberatorie firmate dai genitori per l'uscita autonoma degli studenti.

Sulle nuove disposizioni che potrebbero rivoluzionare tutte le scuole italiane la dirigente scolastica solleva anche altre questioni: «A mio avviso i ragazzini, se abitano vicino a scuola, è giusto che facciano rientro da soli, non sempre infatti hanno i genitori o i nonni disponibili a venirli a prendere. Bisogna ragionare nell’ottica di responsabilizzare gli studenti. La sentenza ci mette in difficoltà perchè se succedesse qualcosa, scaricherebbe la colpa su noi dirigenti scolastici. Noi non abbiamo niente in contrario a consegnare gli alunni ai genitori, ma se questi non possono venirli a prendere cosa dobbiamo fare? Al momento stiamo studiando la sentenza e le sue implicazioni, dovremo dotarci di un regolamento parlandone anche con le famiglie».

Per fortuna nel Triverese non si sono verificati mai incidenti o episodi spiacevoli. Ma bisognerà adeguarsi alla normativa andando a trovare una soluzione soprattutto per quanto riguarda i ragazzi della scuola media. In totale devono fare a piedi poco meno di 500 metri, la maggior parte dei quali lungo un apposito camminamento. Ma questo per la Corte Costituzionale non basta.

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Lettere

Lettere

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita
Lettera del 14-12-2016

Buongiorno, sono una nipote di Don Cesare Boschin. Mi chiamo Isabella Formica. Lo zio è morto per mano della malavita. Ha difeso sempre i suoi parrocchiani...

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...