Notizia Oggi

Stampa Home

La parrocchia di Quarona riqualifica il sagrato

Dureranno fino alla fine dell'estate
Articolo pubblicato il 26-05-2017 alle ore 17:28:09
La parrocchia di Quarona riqualifica il sagrato 2
I lavori al sagrato

Sono iniziati nei giorni scorsi i lavori di rifacimento del sagrato della chiesa di Sant’Antonio abate. Lavori che proseguiranno per tutta l’estate e che, tempo permettendo, saranno conclusi in tempo per festeggiare i 400 anni della parrocchiale di Quarona. «Un tempo il sagrato di una chiesa era luogo di aggregazione, un posto dove i fedeli potevano fermarsi a chiacchierare e fare comunità - spiega padre Matteo Borroni -; con il tempo questa funzione sociale è venuta meno ed è un peccato. Questi interventi restituiranno al paese un punto in cui ritrovarsi». 

Con i lavori al sagrato si chiude un progetto ad ampio respiro, che ha visto il restauro del campanile, della facciata e del portico. In queste settimane le attenzioni della ditta che sta eseguendo gli interventi si concentrano sulla pavimentazione, che verrà rifatta. Davanti all’ossario verranno poi posati alcuni elementi di arredo urbano e tra questi anche delle panchine. Inoltre verrà curata l’illuminazione. «Verrà prestata particolare attenzione al ciottolato e alle lastre tombali dei parroci - prosegue padre Borroni -. Nonostante i lavori la chiesa resterà sempre aperta, grazie alla possibilità di utilizzare un ingresso laterale».

Una volta che gli interventi saranno conclusi, come detto dureranno all’incirca quattro mesi, la parrocchia sarà pronta per festeggiare il quattrocentesimo anniversario della chiesa, che risale al 1617. Ma non solo: per il prossimo anno è atteso in paese il ritorno della Beata Panacea, per le celebrazioni a 650 anni dalla nascita. Il progetto di restauro della parrocchiale è stato portato avanti grazie a una donazione della famiglia Loro Piana.

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Più letti

I più letti

Lettere

Lettere

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita
Lettera del 14-12-2016

Buongiorno, sono una nipote di Don Cesare Boschin. Mi chiamo Isabella Formica. Lo zio è morto per mano della malavita. Ha difeso sempre i suoi parrocchiani...

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...