Notizia Oggi

Stampa Home

La Pro loco di Campertogno chiede aiuto al paese: aiutateci a sopravvivere

Il 13 maggio la riunione ordinaria con il rinnovo delle cariche
Articolo pubblicato il 24-04-2017 alle ore 18:00:37
La Pro loco di Campertogno chiede aiuto al paese: aiutateci a sopravvivere 3
La Pro loco di Campertogno

La Pro loco di Campertogno non ce la fa più. Troppe le spese da sostenere, così il sodalizio chiede aiuto ai cittadini. L'associazione turistica in una lettera aperta spiega che il gruppo lavora in armonia con le realtà locali: il Comune, il comitato carnevale, gli alpini e la onlus Campertogno Arte&Cultura. «Da questo punto di vista la situazione è invidiabile rispetto ad altri paesi in valle - fa notare il direttivo -. Dal punto di vista economico la Pro Loco si regge sul contributo del Comune (o di rari contributi regionali) e su quanto ricavato dalle manifestazioni. Tenendo conto che la maggioranza di esse sono in pareggio, altre in perdita o con incasso devoluto in opere di beneficenza, la sopravvivenza della Pro loco dipende praticamente dalla partecipazione all'Alpàa di Varallo».

Ma le cose nel frattempo sono cambiate: «Purtroppo, per quanto riguarda questo importante appuntamento valsesiano, l'impostazione del passato che vedeva le Pro Loco privilegiate è molto cambiata - fanno ancora notare - ogni dieci metri c'è un ristoratore, che lavora "pro domo sua" e non per il territorio. Le associazioni come la nostra pagano migliaia di euro per il plateatico e per la Siae, per cui il ricavo non è proporzionale allo sforzo prodotto dai volontari... se, poi, capita qualche serata di maltempo, è la disfatta totale».

Alla luce di queste considerazioni il direttivo ha deciso di rafforzare la campagna di tesseramento, con la duplice finalità di avere una entrata supplementare e di rafforzare il legame con tutti i concittadini. «La tessera Pro loco non dà vantaggi economici immediatamente visibili, ma speriamo siate d'accordo che lo sviluppo turistico del territorio va senz'altro a beneficio della Comunità, senza obbligo alcuno – spiegano dal direttivo -. Naturalmente l'auspicio è di veder aumentare la partecipazione attiva e propositiva della popolazione di Campertogno alle nostre manifestazioni, per crescere insieme e creare un dialogo costruttivo, con la soddisfazione di lavorare per il ben di tutti, ciascuno per quanto vuole e può dare». Il prossimo 13 maggio alle 18 nella sede delle associazioni ci sarà la riunione ordinaria della Pro loco con il rinnovo delle cariche.

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Lettere

Lettere

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita
Lettera del 14-12-2016

Buongiorno, sono una nipote di Don Cesare Boschin. Mi chiamo Isabella Formica. Lo zio è morto per mano della malavita. Ha difeso sempre i suoi parrocchiani...

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...