Notizia Oggi

Stampa Home
Sanità

La Regione ordina alle Asl: Basta lunghe liste di attesa

La giunta ha dato le priorità ai direttori sanitari
Articolo pubblicato il 19-05-2016 alle ore 18:02:48
Foto di repertorio
Foto di repertorio

La riduzione dei tempi di attesa sia nelle prestazioni ambulatoriali sia nei ricoveri è certamente la voce più significativa, ma sono 11 in totale gli obiettivi che la Giunta regionale ha assegnato per l’anno 2016 ai Direttori Generali delle aziende sanitarie del Piemonte.
L’attuazione nel concreto di tutti gli atti di programmazione adottati dalla Giunta nei suoi primi due anni di lavoro è la conferma che dalle delibere  - indispensabili per avviare le riforme nella sanità piemontese - si passa ora ai fatti.
I direttori non solo dovranno dimostrare di aver rispettato nel corso del 2016 gli obiettivi assegnati, ma anche di aver lavorato in modo uniforme sul tutto il territorio piemontese, con un coordinamento continuativo: a giugno, settembre e dicembre tre step di verifica da parte dell’assessorato per monitorare l’avanzamento dell’attività. Gli 11 obiettivi assegnati sono stati illustrati oggi dal presidente della Regione Piemonte e dall’assessore regionale alla Sanità, affiancati rispettivamente dal nuovo segretario generale Michele Petrelli e dal direttore dell’assessorato Fulvio Moirano. È la prima volta che si assegnano obiettivi avendo già definito il budget finanziario, grazie al riparto del fondo nazionale effettuato nei mesi scorsi. Nel recente passato, ai direttori delle azienda sanitarie gli obiettivi spesso erano assegnati anche nell’ultimo mese dell’anno di valutazione e con una scelta di grande genericità.

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Lettere

Lettere

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...