Notizia Oggi

Stampa Home
Conservare la diversità, il segreto del successo

La sizzanese Paola Naggi conquista Eataly

Ai fornelli con "Quelli del sabato"
Articolo pubblicato il 27-01-2016 alle ore 13:47:30
La sizzanese Paola Naggi conquista Eataly 3
Paola Naggi

E’ stata la sizzanese Paola Naggi, chef dell'Impero di Novara – primo ristorante della provincia ad aver conqustato la “chiocciola” Slow Food - la protagonista del “Master del risotto vol. 2: i risotti social”, tenutosi lunedì a  Eataly. L’appuntamento è stato l’occasione per presentare il riso con la gemma dell’azienda vercellese gliAironi.

In degustazione sformato morbido di riso mix, con crema di carote, nocciole e leggero condimento al mascarpone salato; Vialone Nano mantecato alla robiola con crema di piselli e salsa all’acciuga.

Ad affiancare Paola ai fornelli i ragazzi della cooperativa “Quelli del sabato”, associazione di volontariato con sede a Bellinzago che si occupa dell’inserimento di persone disabili. Quello fra Naggi e “Quelli del sabato” è un rapporto consolidato che ha dato ottimi frutti permettendo ai ragazzi di affrontare esperienze di successo. Prima fra tutte la collaborazione con gli chef del ristorante “La torre” di Romagnano e del catering “Però” di Prato Sesia che ha portato alla realizzazione del ricettario “Gusti diversi”. Non solo: grazie al supporto di cuochi professionisti e sponsor, tra cui l’acetificio ghemmese Ponti, 14 membri dell’associazione hanno avuto l’opportunità di creare le “Conserve di carattere” la cui particolarità è proprio quella di promuovere la diversità. Ciascuna conserva è infatti ispirata alla personalità, unica e inimitabile, di chi l’ha ideata. Ed è proprio grazie a questo progetto che “Quelli del sabato” hanno avuto il privilegio di presentarsi prima a Expo 2015 e lunedì a Eataly.

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Lettere

Lettere

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...