Notizia Oggi

Stampa Home

La storia di Prato Sesia nelle lettere di nonni e bisnonni

Articolo pubblicato il 04-12-2017 alle ore 19:02:03
La storia di Prato Sesia nelle lettere di nonni e bisnonni   3
La storia di Prato Sesia nelle lettere di nonni e bisnonni 3

Alla ricerca di vecchie lettere scritte da abitanti di Prato Sesia. A lanciare l’appello è lo storico locale Claudio Sagliaschi. Lo studioso, infatti, sta lavorando a un epistolario. «Per questo chiedo se qualcuno ha delle lettere di qualunque tipo, risalenti alla fine dell’Ottocento, all’inizio del Novecento o al secondo Dopoguerra – spiega – lettere di qualunque tipo, ma soprattutto in tema di emigrazione. Lettere che i proprietari ritengono interessanti e che desiderano siano pubblicate. Io le valuterò per capire se rientrano nei temi che ho scelto». Chi avesse del materiale da condividere può contattare l’autore telefonicamente (0163. 850340 o 347. 1763794) o di persona.

È proprio sulla carta, del resto, che vive il passato: «Penso che in molte case, magari nei solai o nelle cantine, ci possa essere della documentazione - osserva – le lettere, spesso, contengono poi notizie del paese, anche se frammentarie. Ci possono quindi aiutare a completare o capire meglio la storia della nostra comunità e a ricordare le persone». Quello di Sagliaschi è un progetto decisamente accattivante: «Sto preparando una sorta di epistolario relativo al paese di Prato Sesia perché ho avuto la fortuna di trovare molta corrispondenza di vario genere. In particolare, molte lettere di emigranti pratesi che sono andati all’estero. Per esempio ci sono lettere straordinarie risalenti alla fine dell’Ottocento e all’inizio del Novecento di persone emigrate in Francia e in Argentina, che scrivono ai familiari rimasti a casa, raccontando loro del viaggio e della vita all’estero». Ci sono pratesi che hanno scritto a casa mentre si trovavano sotto le armi, chiamati a combattere per la Prima Guerra Mondiale. Altri hanno affidato i loro pensieri alla carta durante la colonizzazione dell’Africa degli anni Trenta. Ci sono poi dei pratesi che si sono spostati in Africa nel secondo Dopoguerra. «Si tratta di lettere molto belle – osserva Sagliaschi – e ho pensato appunto di raccogliere le più significative in particolare per quanto riguarda l’emigrazione». Ma non solo: «In questo libro vorrei parlare anche di una persona a cui ero molto legato: Orlando Tosoni – aggiunge lo storico – forse non molti pratesi lo sanno, ma scriveva articoli e poesie, fra cui diverse in dialetto. Aveva potuto frequentare la scuola solo fino alla quinta elementare, ma aveva una grande determinazione. A lui piaceva scriverci lettere anche se abitavamo a pochi metri di distanza». Fra tanti scritti, non può mancare anche una piccola nota autobiografica, con alcuni articoli e poesie scritte in passato dallo stesso Sagliaschi. Il libro uscirà probabilmente il prossimo anno.

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Lettere

Lettere

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita
Lettera del 14-12-2016

Buongiorno, sono una nipote di Don Cesare Boschin. Mi chiamo Isabella Formica. Lo zio è morto per mano della malavita. Ha difeso sempre i suoi parrocchiani...

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...