Notizia Oggi

Stampa Home

La Valsesia ricorda Maria Vittoria, morta alle soglie dei 110 anni

Articolo pubblicato il 27-11-2017 alle ore 09:21:05
La Valsesia ricorda Maria Vittoria, morta alle soglie dei 110 anni 4
La Valsesia ricorda Maria Vittoria, morta alle soglie dei 110 anni 4

Si è spenta serenamente, nel sonno, pochi mesi prima di compiere 110 anni, domenica 19: la Valsesia ricorda la sua decana Maria Vittoria Paracchini.

Con i suoi 109 anni, undici mesi e sette giorni, la borgosesiana (e valduggese di origine) era la quattordicesima donna più longeva di Italia e la prima in Piemonte. Paracchini era nata il 12 dicembre del 1907 in frazione Orcarale di Valduggia. Sposata con Matteo Carciola, conosciuto a Palermo in occasione di una gita, dopo il matrimonio si era trasferita a Torino per esigenze lavorative del marito. Erano gli anni Cinquanta, e i coniugi si stabilirono nel capoluogo piemontese. Dal matrimonio sono nati i figli Ennio e Duilio. Rimasta vedova una quarantina di anni fa, decise di restare ad abitare a Torino, trascorrendo però la stagione estiva nella casa di famiglia ad Orcarale. Le buone condizioni di salute hanno permesso alla donna di restare autonoma anche dopo aver raggiunto il secolo di vita, e solo nel 2012 Paracchini è tornata a Borgosesia, andando ad abitare con il figlio Duilio in un appartamento in via Partigiani, nel condominio accanto alla casa parrocchiale. E qui ha festeggiato uno dopo l'altro i suoi compleanni ultracentenari, circondata da famigliari e parenti, senza rinunciare ad assaggiare la torta e lo spumante. Unico rammarico in questi ultimi anni era stata l'impossibilità di tornare ad Orcarale, divenuto ormai un trasferimento troppo faticoso.

Non aveva particolari “segreti” per spiegare la sua longevità, Maria Paracchini, sorretta da uno spirito allegro e ottimista e da un carattere deciso. Ha sempre amato la buona cucina, sino a pochi anni fa era solita trascorrere al ristorante la giornata del compleanno, e a casa non ha mai perso il piacere di gustare un buon pasto. Sorretta da una invidiabile condizione di salute, ancora ben oltre i cento anni, a Torino, accompagnava la nipote Gabriella a guardare le vetrine e nei negozi per acquistare i vestiti; una passeggiata che si concludeva invariabilmente con un caffè accompagnato da pasticcini. Alcuni anni fa, quando ancora abitava a Torino e già aveva superato il secolo, la “super decana” era stata ospite della trasmissione televisiva “Prima fila” trasmessa da Primantenna: «L’hanno intervistata e fatta ballare - ricordava la nipote -: si era divertita moltissimo tanto che non avrebbe voluto andare via dallo studio al termine della registrazione».

Con i figli Ennio e Duilio, Maria Vittoria Paracchini ha lasciato i nipoti Daniele e Gabriella e i pronipoti Aurora e Umberto.

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Più letti

I più letti

Lettere

Lettere

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita
Lettera del 14-12-2016

Buongiorno, sono una nipote di Don Cesare Boschin. Mi chiamo Isabella Formica. Lo zio è morto per mano della malavita. Ha difeso sempre i suoi parrocchiani...

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...