Notizia Oggi

Stampa Home
Spettacoli

«L'emozione di ballare alla Scala di Milano»

Sogno realizzato per Arianna Quartesan
Articolo pubblicato il 06-04-2017 alle ore 08:06:11
Arianna Quartesan protagonista
Arianna Quartesan protagonista

Arianna Quartesan ha realizzato il suo sogno: danzare sul palco della Scala di Milano in un grande spettacolo come “Traviata”. Una esperienza unica che le ha permesso anche di allenarsi vicino all’etoile Svetlana Zachkarova, ascoltare dal vivo sul palco il soprano Anna Netrebko. Sono solo alcune delle emozioni che la giovane Arianna Quartesan ha vissuto in quest’ultimo periodo al teatro della Scala di Milano dove ha rivestito il ruolo di mima-ballerina all’interno de “La Traviata”. «La prima recita è stata il 26 febbraio, in quell’occasione il ricavato è stato devoluto ai terremotati - racconta la giovane che ha mosso i primi passi nel mondo della danza a Pray -. Il teatro era gremito ed è stato bellissimo». Ma la vera emozione è stata per la prima recita vera e propria il 28 febbraio. E c’è stata anche una difficoltà. «Magri ha imparato tutti i passaggi dei vari atti in una mattinata. Aveva già ricoperto quel ruolo altre volte, ma ogni regista è diverso, ci movimenti diversi, scene che variano... Ma il teatro è anche questo». Arianna Quartesan poi ha avuto modo di lavorare accanto alla soprano, nonché star intenzionale, Anna Netrebko. «Una voce sublime. Non si può descrivere in altro modo - riprende -. Al termine della prova del primo atto, è partito un ' applauso spontaneo di almeno cinque minuti». Quartesan con gli altri mimi-ballerini ha avuto l’ opportunità di allenarsi con il corpo di ballo. «E un mattino proprio nella sbarra accanto alla nostra, chi c'era? L'etoile del Bolshoi di Mosca Svetlana Zachkarova».

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Lettere

Lettere

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita
Lettera del 14-12-2016

Buongiorno, sono una nipote di Don Cesare Boschin. Mi chiamo Isabella Formica. Lo zio è morto per mano della malavita. Ha difeso sempre i suoi parrocchiani...

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...