Notizia Oggi

Stampa Home

Libertazzi, mancano 19 minuti per entrare nella storia

Il primato appartiene a Zelico Petrovic: correva la stagione 1967-68
Articolo pubblicato il 29-10-2016 alle ore 09:43:00
Libertazzi, mancano 19 minuti per entrare nella storia 3
Libertazzi in presa aerea

Il portiere del Borgosesia Giovanni Libertazzi è vicino a tagliare un traguardo storico. Se oggi, nell’anticipo contro la Pro Sesto, l’estremo difensore della squadra valsesiana riuscirà a mantenere la sua porta inviolata per almeno 19 minuti, otterrà il record di imbattibilità della storia del club di via Marconi. Il primato appartiene a Zelico Petrovic, che in Valsesia arrivò in prestito dal Novara e che nel 1967-68, stagione in cui il Borgosesia vinse il campionato di Prima Categoria, non incassò gol per 561 minuti consecutivi.

Libertazzi l’ultimo pallone in fondo al sacco lo ha raccolto lo scorso 11 settembre all’87’ della partita contro il Bra (vinta dalla squadra di Dionisi per 2-1). Oltre agli ultimi 3 minuti di quella gara, è rimasto imbattuto nelle sei seguenti contro OltrepoVoghera, Varese, Pinerolo, Caronnese, Casale e Pro Settimo per un totale di 543 minuti. Se sabato riuscirà a superare indenne i primi 19’ è molto probabile che lo stadio gli tributerà un grande applauso.


Record a parte, la gara contro i milanesi si presenta senz’altro complicata per il valore dell’avversario: «Squadra forte ed esperta - dichiara il ds Simone Di Battista - , con due attaccanti molto pericolosi come Lazzaro e Cristofoli. Ma noi stiamo bene sia fisicamente che mentalmente e per questo sono convinto che possiamo fare una buona partita». Mister Dionisi ha tutti gli effettivi a disposizione e l’unico dubbio nella formazione iniziale riguarda l’impiego di Vita o di Augliera.

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Più letti

I più letti

Lettere

Lettere

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...