Notizia Oggi

Stampa Home

L'opera d'arte nasce dal ceppo di una quercia secolare

Organizzato anche un momento di festa
Articolo pubblicato il 07-11-2016 alle ore 22:28:41
L'opera d'arte nasce dal ceppo di una quercia secolare 2
Le due donne al lavoro

Chiara Deambrosis e Rachele Zerbi hanno ridato vita con acrilico e decoupage a un ceppo di una quercia ultra centenaria di Piane. Recentemente le due donne, che sono amiche e parenti, hanno presentato a tutti la loro opera d'arte. «L’idea ci è venuta una sera d’estate - spiega Deambrosis -. Avevamo saputo che la quercia che segnalava l'incrocio tra le due località di Piane era stata abbattuta e così si è pensato di realizzare qualcosa di originale».


Le pianesi si sono ritrovate più volte nelle scorse settimane al ceppo e hanno iniziato a decorarlo. «Abbiamo pensato di realizzare una rosa dei venti che indica con colori diversi i punti cardinali. La scelta del tema è motivata dalla posizione dell'albero che indicava diverse strade - prosegue Deambrosis - . Con una bussola abbiamo tentato di rendere in maniera corretta le direzioni di nord, sud, est e ovest. In un secondo momento sono state aggiunte alcune decorazioni floreali realizzate con la tecnica del decupage».

La creazione è stata terminata in un mese circa. «Ci siamo ritrovate al ceppo più volte, il risultato finale ha soddisfatto noi ma non solo».
Pochi giorni fa per festeggiare la conclusione dell'opera è stato organizzato un appuntamento speciale che ha coinvolto numerose persone. «Abbiamo proposto la “Manùsura par la Steila d’la Roula” - prosegue Deambrosis -. In dialetto la “manùsura” è il momento in cui il padrone di casa ha completato la sua abitazione e decide di festeggiare con un pranzo o una cena insieme a tutti coloro che lo hanno aiutato. Anche noi abbiamo quindi organizzato un incontro festoso insieme ai nostri sostenitori».


Sabato pomeriggio quindi amici, parenti e conoscenti hanno preso parte a una merenda ammirando l'originale creazione. «Il ceppo ha almeno 130 cerchi e se ogni cerchio corrisponde a un anno, il conto è presto fatto - prosegue Deambrosis -. E’ stato bello vedere un gruppo di persone che si sono strette attorno a uno dei tanti tasselli della storia del nostro territorio. Ci siamo divertite e nello stesso tempo abbiamo fatto rivivere a nostro modo un piccolo angolo delle nostre località».

Chi volesse ammirare il disegno non dovrà far altro che arrivare all'incrocio tra le regioni Martellone e Deambrosis. «Il ceppo è a lato strada quindi è facilmente raggiungibile - conclude la serravallese -. Abbiamo anche altre idee, vedremo cosa portare avanti. Per il momento ringraziamo tutti coloro che ci stanno sostenendo».

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Lettere

Lettere

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...