Notizia Oggi

Stampa Home

Lozzolo rilancia i suoi prodotti con il marchio De.Co

Ne parla il sindaco
Articolo pubblicato il 27-01-2018 alle ore 17:05:45
Lozzolo rilancia i suoi prodotti con il marchio Deco 2
Lozzolo negli anni ha riscoperto le tradizioni come la festa del pane

Anche Lozzolo avrà i suoi prodotti di denominazione comunale riconosciuti, il regolamento che permette la certificazione della provenienza di uno specifico prodotto, del comparto enogastronomico o artigianale, dal territorio lozzolese. L’obiettivo che si prefigge il nuovo marchio è quello di tutelare il consumatore, valorizzare il territorio, promuovere l’immagine territoriale e fornire consapevolezza delle peculiarità presenti a Lozzolo.

«L’amministrazione comunale nel proprio percorso di valorizzazione e tutela delle eccellenze imprenditoriali del territorio, ha adottato il regolamento di denominazione comunale nella convinzione che ciò, oltre a poter contribuire al sostegno e al rilancio economico dei comparti produttivi interessati, costituisca anche un efficace strumento di promozione dell’immagine di Lozzolo», spiega il sindaco Roberto Sella.

In tale ottica si è deciso di avviare concrete iniziative di tutela, a carattere strutturale, e quindi non meramente occasionali o episodiche, anche nel settore delle attività agroalimentari-artigianali tradizionali del territorio, che costituiscono una risorsa di sicuro valore economico, culturale e turistico. Il progetto del marchio De.Co, promossa dell’associazione nazionale "Città del Riso", comune a già molte altre realtà italiane tra cui diversi Comuni del Vercellese, si tratta di un innovativo strumento, finalizzato a censire e valorizzare quei prodotti agro-alimentari e i prodotti, loro confezioni, sagre e manifestazioni che sono motivo di particolare interesse pubblico, che sono legati indissolubilmente alla storia, alle tradizioni e alla cultura del territorio comunale in cui hanno origine, costituendo, quindi, un motivo di sicuro interesse e una fonte importante di attrattiva per il turismo enogastronomico e di qualità, che è in continua crescita.

«L’obiettivo che si mira, quindi, è di valorizzare le risorse del territorio - riprende -, attraverso un modello sostenibile, e a salvaguardare le peculiarità produttive locali, nei settori dell’agricoltura e dell’artigianato, in considerazione della rilevanza pubblica dei relativi interessi. Di primaria importanza è anche di dare visibilità all’opera di tutti quei piccoli produttori presenti nel territorio comunale e ai loro prodotti, spesso veramente unici e straordinari, che, a motivo della limitata estensione geografica dell’area di produzione, non sono sufficientemente conosciuti dal grande pubblico, soprattutto in ambito locale».

Sinteticamente il riconoscimento di un prodotto De.Co funziona così: l’azienda o il privato o l’associazione che intende avere il riconoscimento De.Co di un prodotto, presenza all’amministrazione comunale istanza di ammissione al registro dei prodotti De.Co, la quale convoca la commissione per la valutazione di ammissione e a seguito del punteggio assegnato, superiore al minimo necessario per la registrazione, verrà inserito nel registro. Successivamente per il prodotto registrato può essere utilizzato il marchio De.Co. La procedura per la registrazione del prodotto e l’utilizzo del logo è totalmente gratuita. Le aziende agricole locali e tutti coloro che sono incuriositi o interessati nell’approfondire il tema, possono rivolgersi agli uffici comunali.

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Lettere

Lettere

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita
Lettera del 14-12-2016

Buongiorno, sono una nipote di Don Cesare Boschin. Mi chiamo Isabella Formica. Lo zio è morto per mano della malavita. Ha difeso sempre i suoi parrocchiani...

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...