Notizia Oggi

Stampa Home

Lutto a Coggiola per Alda, storica negoziante e barista

Commozione
Articolo pubblicato il 21-12-2017 alle ore 12:20:13
Lutto a Coggiola per Alda, storica negoziante e barista 2
Alda Allera

Commozione a Coggiola e in Valsessera per la scomparsa di Alda Allera. La donna era molto conosciuta in paese e in particolare in frazione Viera per i suoi trent’anni di attività di ristoratrice e commerciante nel piccolo centro sopra Coggiola. La donna era molto legata a Coggiola, paese che non ha mai lasciato nei suoi 78 anni di vita. Era infatti nata in frazione Fervazzo il 24 novembre del 1939 e si era poi trasferita in frazione Viera dove ha sempre vissuto fino all’ultimo con il marito Gianfranco Iacolino, che aveva sposato nel 1969. Una vita semplice dedicata al lavoro, in cui si è impegnata molto, e alla famiglia.

Per alcuni anni la donna aveva lavorato a Pray nella ditta Trabaldo, in seguito nel 1971 con il marito ha deciso di dedicarsi ad un'altra attività, e ha scelto di gestire il bar trattoria di Viera. Dal 1978 questa attività si è ampliata, e la coppia di coggiolesi si è occupata anche del negozio di alimentari della frazione, diventando un punto di riferimento per tutti: come si può facilmente immaginare, l’unico negozio di una piccola frazione è un servizio che a volte tiene in piedi tutto il paese. In molti si ricordano Alda e Gianfranco dietro il bancone a servire i clienti, una parola gentile per tutti. Questo lavoro li ha portati a conoscere e a farsi conoscere da molte persone che entravano quotidianamente nel negozio o nel bar, oltre ovviamente ai turisti che occasionalmente raggiungevano Viera e le altre frazioni alte.

Per trent'anni Alda è rimasta lì con il suo sorriso ad accogliere chi entrava dalla porta della bottega di Viera e a partecipare alla vita della frazione. La pensione è poi arrivata nel 2001 quando ha passato il testimone ad altri gestori e si è ritirata a riposo. Da qualche tempo la donna si era però ammalata ed è stata seguita dai familiari. Oltre al marito Gianfranco, che ha condiviso con lei anche la vita lavorativa, la donna lascia nel dolore il figlio Federico, personaggio molto conosciuto in Valsessera. L'uomo è infatti il diacono della parrocchia di Coggiola, gestisce un'agenzia di assicurazioni di frazione Zuccaro e da qualche tempo è presidente della sezione Valsessera del Cai. Il funerale è stato celebrato sabato.

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Lettere

Lettere

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita
Lettera del 14-12-2016

Buongiorno, sono una nipote di Don Cesare Boschin. Mi chiamo Isabella Formica. Lo zio è morto per mano della malavita. Ha difeso sempre i suoi parrocchiani...

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...