Notizia Oggi

Stampa Home
Rassegna

Maggiora celebra l'architetto Alessandro Antonelli

La mostra sarà vsitabile sabato e domenica
Articolo pubblicato il 09-05-2016 alle ore 16:17:47
La statua di Antonelli
La statua di Antonelli

Il 2016 si è aperto nel Novarese con un grande evento nel segno di uno dei suoi più illustri rappresentanti. A circa 220 anni dalla nascita dell’architetto Alessandro Antonelli, nato a Ghemme nel 1798, l’Agenzia Turistica Locale della Provincia di Novara, all’interno del progetto Cultura e Aree Urbane – Sistema Culturale e Casa Bossi sostenuto da Fondazione Cariplo, dedica un percorso tematico al genio dell’architettura che ha lasciato un’impronta indelebile su tutto il territorio piemontese, con la mostra “Itinerario Antonelliano nel Novarese”.
L’opera di Alessandro Antonelli, il suo “tocco” e le istrioniche architetture, che sono divenute tratti insostituibili del Novarese, sono i protagonisti della mostra che consta di una serie di pannelli con immagini d’epoca e riproduzioni di disegni originali dell’Antonelli e dei suoi più stretti collaboratori, ideati, progettati e posti in sequenza con la tecnica dello “storytelling”; i cartelli sono inoltre arricchiti da preziosi testi di diversi storici locali. La mostra itinerante nel territorio Novarese, partita da Novara, che ha toccato già Borgolavezzaro, Bellinzago Novarese e Ghemme, rimane dal 14 al 22 maggio 2016 a Maggiora, borgo caro all’architetto e luogo in cui risiedeva.
Grazie alla preziosa collaborazione del Comune di Maggiora, sarà visitabile nel Salone della Soms, situato su piazza Antonelli 2, secondo le seguenti indicazioni: sabato e domenica dalle 10 alle 12 e dalle 15 alle 18.

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Lettere

Lettere

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...