Notizia Oggi

Stampa Home

Malato, finalmente trova un lavoro: e l'Inps gli toglie subito la pensioncina di invalidità

Una vergogna nazionale
Articolo pubblicato il 17-03-2016 alle ore 20:45:02
Malato, finalmente trova un lavoro: e l'Inps gli toglie subito la pensioncina di invalidità 3
Alfonso Giardiello in televisione

Tanti messaggi di solidarietà per Alfonso Giardiello, il giovane quaronese vittima di una delle solite beffe all'italiana. Il giovane, 25 anni, è affetto dalla rara sindrome di Hajdu Cheney, una malattia congenita che colpisce le ossa e il tessuto connettivo, portando all’osteoporosi e a un ampio spettro di altri sintomi. Come lui, soffrono di questa patologia solo un’ottantina di persone al mondo.  oggi la malattia del giovane non può essere guarita, è solo possibile prendere dei farmaci per alleviare il dolore. Ma sono molto costosi.

Fino a qualche mese fa ad Alfonso veniva almeno riconosciuta una piccola pensione di invalidità. Poi però ha commesso un grave errore, imperdonabile in questa Italia dove prosperano i parassiti: Alfonso si è dato da fare e ha trovato un lavoro. E' solo un part-time al "Fai da te" (anche perché non riuscirebbe a fare di più), ma lo ha fatto per pesare di meno sulla famiglia. Non lo avesse mai fatto: subito è stato punito dallo Stato. In base alle leggi vigenti, l'Inps gli ha revocato la pensione di invalidità, chiedendogli indietro anche circa 600 euro per due mensilità indebitamente percepite.

Un caso molto simile a quello di Armando Camellin, l'operatore ecologico di Gattinara, anche lui reo di aver trovato un lavoro, che ha dovuto restituire all'Inps quasi 7mila euro. L'altra settimana lo scandaloso caso di Alfonso ha fatto il giro d'Italia grazie alla trasmissione “La vita in diretta”, che si era occupata anche di Armando.

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Più letti

I più letti

Lettere

Lettere

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...