Notizia Oggi

Stampa Home

Manuel non ce l'ha fatta: la fascia di ''più bello d'Italia'' non va a Romagnano

Ha partecipato alla finale
Articolo pubblicato il 28-12-2017 alle ore 09:47:56
Manuel non c'è l'ha fatta: la fascia di ''più bello d'Italia'' non va a Romagnano 3
Manuel Attena

Non è riuscito a portare a casa la fascia de “Il più bello d’Italia”, ma per il romagnanese Manuel Attena la partecipazione al concorso ideato da Carlo Mighetti, che ha lanciato tra gli altri Gabriel Garko, è stata comunque molto proficua. Il 26enne ha preso parte alla finale del 10 dicembre, insieme ad altri 120 ragazzi circa. «È stata una bella esperienza – racconta – questo era il mio primo concorso ed è stato un piacere e un onore partecipare. Ovviamente c’è un po’ di dispiacere per il risultato, ma sono comunque contentissimo di come è andata».

Il concorso gli ha permesso di muovere dei primi, promettenti passi in un ambiente che gli è sempre piaciuto. «Con la sfilata nell’ambito del concorso, ha attirato l’attenzione di una stilista italiana originaria del meridione e nota nel suo settore – spiega la sua agente, Flavia Raso – inoltre, è entrato in contatto con il conte Giuseppe Cascella: con l’anno nuovo ci sarà la possibilità di partecipare a un suo film». Cascella, originario del Salernitano, è un artista poliedrico: attore, cantante, produttore e pittore. «È stato un piacere conoscere il conte – racconta Attena – una persona davvero a modo e molto simpatico». Fra i due, insomma, è scattata un’istantanea simpatia reciproca: «Ho notato Manuel e mi ha dato l’idea di una bella persona, che può fare strada – spiega infatti Cascella – ho avuto l’impressione di una brava persona e quindi mi piacerebbe averlo con me. Mi piacerebbe inserirlo nel film di mia produzione che farò». Un’opportunità davvero interessante per andare alla scoperta del mondo dello spettacolo.

Attena tiene i piedi per terra, ma è pronto allo stesso tempo a darsi da fare: «Ora mi indirizzeranno per eventuali corsi e io mi metterò di impegno. Mi è sempre piaciuto come campo: vedremo come va, ma io sicuramente darò tutto me stesso. Del resto – scherza – sono già un mezzo personaggio. Ho un carattere tendenzialmente giocherellone e mi piace stare in compagnia». In precedenza, ha avuto solo piccole esperienze nel campo: «Ho fatto alcune sfilate quando avevo 18 anni. Mi è sempre piaciuto il campo della moda. Non avrei mai pensato, però, che si sarebbero aperte delle opportunità di questo tipo».

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Lettere

Lettere

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita
Lettera del 14-12-2016

Buongiorno, sono una nipote di Don Cesare Boschin. Mi chiamo Isabella Formica. Lo zio è morto per mano della malavita. Ha difeso sempre i suoi parrocchiani...

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...