Notizia Oggi

Stampa Home
Occupazione

Mercatone Uno: riaprono due centri, fermo al palo Romagnano

L'azienda vuole predisporre un bando per vendere il blocco di stabilimenti ancora chiusi
Articolo pubblicato il 17-02-2016 alle ore 16:10:18
Foto di repertorio
Foto di repertorio

Buone notizie per il Mercatone Uno: riaprono i centri di Mappano e Beinasco. Ancora nessuna novità invece per lo stabilimento di Romagnano. Lunedì si è tenuto al Ministero dello Sviluppo economico la riunione del tavolo di crisi su Mercatone Uno. Tre gli elementi di rilievo emersi nel corso della seduta. Il primo riguarda la prossima riapertura di due punti vendita piemontesi: l’ex Tre Stelle di Beinasco, con il rientro dei 20 lavoratori in cassa integrazione a zero ore, prevista per il 1° marzo e il magazzino di Mappano, programmata per il 19 giugno. Il secondo concerne la situazione economica del gruppo, in netto miglioramento, tanto da far parlare gli amministratori straordinari di “un malato convalescente in dirittura di guarigione”. Infine, è stato annunciata l’intenzione di predisporre un  bando di gara per la cessione dell’azienda, che comprenda l’intero complesso, quindi tutti i 79 siti, di cui 60 aperti, evitando il cosiddetto “spezzatino”.

«Accogliamo positivamente le novità emerse dal tavolo di crisi - ha dichiarato l’assessore al Lavoro, Gianna Pentenero - che fanno intravedere la possibilità di un’uscita dalla crisi in grado di salvaguardare la continuità dell’attività e i livelli occupazionali. Resta comunque alta l’attenzione sulla vicenda, perché non possiamo dare per scontato che il futuro proprietario decida di mantenere un assetto uguale a quello attuale».

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Lettere

Lettere

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...