Notizia Oggi

Stampa Home

Migranti, Trivero guarda ai bandi Sprar

Un'occasione per gestire meglio accoglienza e permanenza sul territorio dei migranti
Articolo pubblicato il 03-08-2016 alle ore 13:23:50
Migranti, Trivero guarda ai bandi Sprar 2
I migranti di Trivero e Pray

Cambia l’assessore che a trivero si occuperà dei richiedenti asilo. «E’ stato un mio errore nel leggere i nomi e le cariche nella prima seduta. L’argomento comunque è talmente vasto che coinvolge un po’ tutti gli assessori comunali», ha ammesso il sindaco Mario Carli in consiglio comunale. La delega inizialmente affidata a Gabriella Maffei è passata nelle mani dell’assessore Elisabetta Prederigo. La minoranza ha chiesto il motivo del cambiamento, ma il primo cittadino ha spiegato che si è trattato solo di un errore di lettura nel foglio durante la prima seduta. 

A proposito di migranti,  Carli ha però colto l’occasione per annunciare  la volontà da parte del Comune di valutare, insieme all’Unione dei Comuni montani, l’avvio di nuovi centri per l’accoglienza di profughi, gestiti però secondo i cosiddetti bandi Sprar (che sostanzialmente fanno capo ai Comuni anziché alla Preefettura).

«Come Unione è stato proposto un lavoro di sinergia sul territorio - ha spiegato Carli -. L’obiettivo è avviare il programma con i Comuni che devono diventare parte attiva della gestione». Questo perché si vorrebbe avere un ruolo ben più attivo all’interno della gestione. «La via da seguire è il progetto Sprar - riprende Carli -. Sarebbe la cosa migliore per non subire più arrivi improvvisi e permetterebbe di avere una programmazione, inoltre gestendo i Comuni la questione si potrebbe dare un senso al progetto di inserimento di queste persone all’interno della comunità attivando per esempio cantieri di volontariato». 

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Più letti

I più letti

Lettere

Lettere

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita
Lettera del 14-12-2016

Buongiorno, sono una nipote di Don Cesare Boschin. Mi chiamo Isabella Formica. Lo zio è morto per mano della malavita. Ha difeso sempre i suoi parrocchiani...

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...